www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 16/06/2015  -  stampato il 10/12/2016


Il Ministro Orlando oggi a Strasburgo per dimostrare all'Europa i progressi del carcere in Italia

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando oggi sarà ricevuto a Strasburgo, per discutere della situazione carceraria del nostro Paese, che nell’ultimo anno ha visto un buon miglioramento, infatti il numero di detenuti è sceso dai 66mila di tre anni fa e si è stabilizzato a 53mila, a fronte di 49mila posti disponibili. La riforma del sistema penitenziario allo studio del Parlamento. L’approvazione della legge sulle misure alternative al carcere, che rende più stringenti le valutazioni per l’applicazione della pena detentive, l’accordo con Bankitalia per accelerare e rendere certo il pagamento degli indennizzi legati ai processi troppo lunghi, solo alcuni dei temi che il ministro Orlando al Consiglio d’Europa.

Oggi l’incontro al Consiglio d’Europa serve ora all’Italia per dimostrare di aver predisposto soluzioni strutturali sulla situazione carceri. Sul fronte carceri, il ministero ha al suo attivo una serie di protocolli con la gran parte delle Regioni per potenziare l’accesso alle misure alternative alla detenzione per i detenuti con problemi legati alla tossicodipendenza e per incentivare il reinserimento sociale; la firma del decreto ministeriale per l’istituzione del garante nazionale dei detenuti; i progetti per rivedere la funzionalità delle strutture per minori, e un incentivo per il lavoro in carcere.

Ansa