www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 06/07/2015  -  stampato il 23/04/2017


Folla commossa ai funerali del Poliziotto Penitenziario suicida a Fossombrone

Il dolore palpabile nell'aria afosa di una giornata che l'intera comunità non potrà dimenticare Una folla immensa, ammutolita e commossa ha seguito ieri pomeriggio a Tavernelle il funerale di Luca Tonelli, il quarantenne agente della Polizia Penitenziaria del carcere di Fossombrone, che si è ucciso sparandosi sotto casa con la rivoltella d'ordinanza.

"Una morte che ha sconvolto tutti quanti - commenta il sindaco di Serrungarina Marta Falcioni - perché Luca era generoso e sempre in prima fila pronto a dare la propria mano d'aiuto in occasione di qualsiasi manifestazione". La stessa personalità attenta e dedita ai propri impegni confermata dai colleghi di lavori e da quanti lo hanno avuto vicino anche in occasione di incontri con le famiglie in parrocchia. Il parroco don Piergiorgio Sanchini è stato il primo a sottolineare che Luca era uomo di grande disponibilità e compostezza. Una figura che merita di essere ricordata e onorata con grande rispetto.

Dai commenti colti nel paese tra quanti lo conoscevano bene e lo avevano come amico trapela forse la traccia che lo ha portato a compiere il tragico gesto.

Ultimamente era apparso un po' più chiuso in se stesso quasi sicuramente a causa del lavoro stressante cui era sottoposto dopo essere passato nel nucleo traduzione dei reclusi in ogni angolo d'Italia.

Le persone davanti al manifesto funebre si mostrano incredule e sconvolte. L'ultimo grande abbraccio è stata l'ulteriore testimonianza di quanto era amato e stimato.

corriereadriatico.it

Suicida un Assistente Capo della Polizia Penitenziaria: 41 anni lavorava nel carcere di Fossombrone