www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 08/08/2015  -  stampato il 06/12/2016


Era ai domiciliari ma spacciava ancora droga: scoperti dai cinofili della Polizia Penitenziaria tre chilogrammi di stupefacenti

Era ristretto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Un provvedimento che non è stato sufficiente ad impedire ad un 41enne di Casal de' Pazzi di proseguire la sua 'attività' di spaccio di droga. A mettere fine al commercio dell'uomo gli agenti di polizia, coadiuvati dai colleghi del reparto cinofili della Polaria di Fiumicino e da quelli del reparto cinofili della Polizia Penitenziaria. Una volta entrati nell'appartamento di via Attilio Benigni il 41enne ha tentato di eludere un controllo più approfondito consegnando spontaneamente alcuni grammi di stupefacente ai poliziotti, asserendo che in casa non avrebbero trovato altro.

VERIFICHE FUORI DELLA CASA - Ma lo stratagemma non ha funzionato e gli agenti del Commissariato di San Basilio, diretti dal dottor Massimiliano Maset, hanno comunque effettuato le verifiche sia all’interno della casa che nelle aree di pertinenza della stessa. Avvenute sotto lo sguardo attento e preoccupato dell’uomo, le ricerche sono state dallo stesso interrotte quando, capito che ormai gli agenti stavano per arrivare al suo nascondiglio, ha detto ad uno dei poliziotti dove cercare.

DROGA NEL POLLAIO - Abilmente occultata in tre diversi contenitori, alloggiati in secchio per il mangime, la droga è stata rinvenuta all’interno di un pollaio di pertinenza  della casa insieme a tutto il materiale usato per il taglio, la pesatura e il confezionamento delle singoli dosi. Spogliata degli involucri di protezione, lo stupefacente è risultato essere di tipo hashish e marijuana per un peso complessivo di 3 chili.

FUCILE IN CASA - In precedenza invece, durante i controlli all’interno dell’abitazione, i poliziotti avevano rinvenuto un fucile ad aria compressa con matricola abrasa e sul quale sono in corso accertamenti per verificare se l’arma rientri tra quelle di libera vendita. Al termine delle operazioni, il 41enne arrestato, è stato accusato del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e portato in carcere. Messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria è in attesa di essere processato.“

romatoday.it