www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/08/2015  -  stampato il 05/12/2016


Pistorius non uscirÓ dal carcere: stava per essere liberato dopo dieci mesi di condanna per aver ucciso la fidanzata

Il ministero della giustizia del Sudafrica ha bloccato la concessione degli arresti domiciliari per buona condotta a Oscar Pistorius dopo soli 10 mesi di cella, prevista per venerdì, in attesa che si pronunci l'apposito comitato che esamina le istanze di scarcerazione. Pistorius è stato condannato per l’uccisione della fidanzata.

Intervistato poche ore fa dall'emittente eNca, Il ministro sudafricano della Giustizia, Michael Masutha aveva annunciato di aver richiesto un parere legale per sapere se ha il potere d'intervenire in materia. Un rilascio che non è legalmente sensato sarebbe un precedente negativo, aveva sottolineato il ministro.

Secondo l'amministrazione penitenziaria i detenuti hanno diritto alla libertà condizionata per buona condotta dopo aver scontato un sesto della pena. E l'atleta paraolimpico riempie queste condizioni, essendo stato condannato a cinque anni di carcere per l'uccisione della fidanzata, la modella 29enne Reeva Steenkamp, il 14 febbraio 2013. Al processo, il giudice ha respinto la tesi dell'accusa di un omicidio volontario dopo una lite, accettando la versione che Pistorius avrebbe scambiato la ragazza per un intruso. Per questo l'atleta 28enne è stato riconosciuto colpevole solo di omicidio colposo.

L'8 agosto le autorità penitenziarie della prigione Kgosi Mampuru II, dove e' rinchiuso Pistorius, avevano annunciato l'intenzione di scarcerarlo il 21 gosto dopo il compimento di dieci mesi e mezzo di reclusione, corrispondenti ad un sesto della pena. Ma «sembra che la decisione di liberarlo sia stata presa prematuramente il 5 giugno, in un momento in cui l'accusato non poteva essere considerato in grado di ricevere questo beneficio», ha affermato un portavoce del ministero, senza dare una data in cui sara' presa la nuova decisione.

ilsole24ore.com