www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 12/10/2015  -  stampato il 07/12/2016


Il carcere di Pistoia non verrą chiuso: trovati i soldi per riparare il tetto

I tetti del carcere di Pistoia verranno ristrutturati e nei prossimi mesi il Santa Caterina in Brana potrebbe riprendere la sua piena attività. La notizia arriva dal provveditorato dell’amministrazione penitenziaria per la Toscana e dal provveditore Carmelo Cantone. Giovedì il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha autorizzato lo svolgimento dei lavori di riparazione di buona parte dei tetti della casa circondariale, crollati per la bufera dello scorso 5 marzo. Da allora una parte del carcere è inagibile e la maggior parte dei detenuti è stata spostata gradualmente nei carceri di Sollicciano e Prato. Al momento, in Santa Caterina sono presenti solo 16 detenuti. Senza i fondi necessari e l’avallo del Ministero della giustizia, la casa circondariale pistoiese avrebbe rischiato la chiusura. Il suo destino era legato alla decisione di stanziare o meno i fondi necessari alla ristrutturazione. Ristrutturazione che prevede un investimento fra gli 800.000 e un milione di euro.

«A conclusione dei lavori nei prossimi mesi, l’istituto riprenderà la sua piena operatività» scrive Cantone, e ringrazia «i vertici giudiziari della città e le istituzioni per la sensibilità dedicata, nonché il Provveditorato della Toscana per il fondamentale sostegno tecnico che sta fornendo».

«Non posso che associarmi al provveditore nel ringraziare tutti – afferma il direttore del carcere, Tazio Bianchi – Ancora non conosciamo i tempi, ma stiamo prendendo contatti con le Opere pubbliche, perché sono loro i titolari dei lavori».

Che il carcere non chiuda i battenti è un traguardo importante. «C’è una questione di sicurezza prima di tutto, perché al momento le forze dell’ordine sono costrette a portare gli arrestati in carceri limitrofi. Questo

comporta anche spese maggiori. Inoltre, il carcere di Pistoia negli ultimi anni ha dato buoni frutti rispetto alla rieducazione dei detenuti. È infine una buona notizia anche per il personale che vive a Pistoia, che altrimenti sarebbe stato costretto a trasferirsi».

iltirreno.gelocal.it

Carcere di Pistoia, tetto crollato da marzo: mancano i fondi, forse sarà chiuso