www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 15/10/2015  -  stampato il 06/12/2016


Detenuto evade dal carcere di Alba: era al lavoro all'esterno e si dileguato

Un detenuto senegalese ammesso al lavoro all’interno del carcere è evasoieri nel tardo pomeriggio dal carcere di Alba. Ne dà notizia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

“Il detenuto era destinatario di un provvedimento di espulsione e probabilmente per questo è evaso: ha sfruttato la condizione di essere autorizzato a girare per l’istituto per il suo lavoro di pulizie ed ha trovato il varco dal quale fuggire”, commenta Donato Capece, segretario generale del SAPPE, aggiungendo che il soggetto evaso (20 anni) era detenuto per reati collegati allo spaccio di stupefacenti con fine pena 15 settembre 2016.

“È del tutto evidente - aggiunge - che un detenuto che evade dal carcere allunga ovviamente la sua permanenza in galera. Mi auguro per lui che si costituisca prima di essere catturato, ma è certo grave constatare come questa sia la seconda evasione che si verifica nel carcere di Alba in soli 4 mesi”, concldue Capece ricordando il precedente del giugno scorso.

Vicente Santilli, segretario regionale piemontese del SAPPE, il primo e più rappresentativo dei Baschi Azzurri, evidenzia che “sempre ieri e sempre nel carcere di Alba, verso le 19.15 un detenuto collaboratore di giustizia ha tentato di impiccarsi per problemi familiari". Ci sarebbe riuscito se non fosse stato per la prontezza dei poliziotti penitenziari di servizio presso la sezione, che hanno evitato il peggio. 

targatocn.it