www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/10/2015  -  stampato il 03/12/2016


Calci e pugni da parte degli Agenti: detenuto di Parma denuncia pestaggi in carcere

«Hanno indossato un paio di guanti neri e hanno iniziato a picchiarmi violentemente sferrandomi pugni alla testa, al volto e calci alla schiena. Io ero terrorizzato... Cadevo a terra ma uno dei due mi rialzava mentre l'altro continuava a colpirmi con pugni in testa e nella schiena... e ancora calci». È il racconto shock di un ex detenuto che “l'Espresso” rivela in esclusiva.

Picchiato, costretto a stare nella cella in ginocchio e senza cena. Un incubo durato tre giorni. Una punizione extra per il recluso “infame” del carcere di Parma. Fatti che sono contenuti in un esposto ufficiale consegnato dal garante dei detenuti della città ducale, Roberto Cavalieri, ai magistrati della procura. L'uomo che ha subito il pestaggio è un ingegnere di nazionalità italiana. Era stato arrestato per una presunta violenza sessuale, poi scarcerato e, attualmente, è in attesa di giudizio. Accusato di un crimine che in carcere ritengono infame, e per questo, secondo le regole non scritte del codice della galera, da sanzionare ulteriormente con il castigo corporale. Abusi che demoliscono il principio costituzionale della pena come rieducazione del condannato.

Il racconto dei soprusi, firmato e inviato agli inquirenti, è denso di particolari: «Durante il pestaggio entrambi continuavano a chiamarmi "bastardo, pezzo di merda". Finito il pestaggio barcollante mi ordinavano di tornare in cella e dopo avermi aperto la porta dell'anticamera, riuscivo zoppicando ad arrivare fino alla mia cella, sedendomi sul letto. Chiusa la cella si avvicinava allo sportello della porta l'agente più alto che mi ordinava di mettermi subito in ginocchio sul pavimento e a testa bassa, dicendomi che sarei dovuto restare in quella posizione fino alle 18.00, ora in cui lo stesso avrebbe terminato il proprio turno».

Non c'è pace, dunque, per il super carcere emiliano dove, tra l'altro, sono reclusi alcuni dei più importanti mafiosi italiani. Per un'altra storia di pestaggi e violenze sono già indagati 8 agenti incastrati dalle registrazioni pubblicate l'anno scorso da “l'Espresso” e poi acquisite dalla procura. È di questi giorni, poi, la notizia di un'altra indagine che riguarda un poliziotto che avrebbe passato un cellulare a un detenuto comune. Ma a quanto pare non è finita. Perché altri esposti gettano ombre pesanti sull'operato di un gruppo uomini in divisa. L'esposto dettagliato del Garante dei detenuti sull'ingengere si aggiunge, infatti, ad altri tre casi di presunte violenze a danno di altrettanti reclusi, due italiani e uno straniero, tutti segnalati, nell'ultimo anno, alla magistratura da Cavalieri.

Queste denunce però non hanno ancora portato a niente. Tutto fermo. Incluso il rapporto su quest'ultimo caso. Il documento è stato depositato in procura il 2 luglio 2015. In allegato c'è anche il racconto sintetico di quanto avvenuto tra il 4 e 6 aprile di quest'anno: «Sono stato vittima di un pestaggio ad opera di due agenti penitenziari e allo stesso tempo di una tortura durate tre giorni» scrive la vittima. Una versione arricchita di particolari da una volontaria del carcere, che secondo fonti de “l'Espresso” sarebbe già stata sentita dai pm: «Il detenuto mi ha raccontato di essere stato violentemente picchiato da due agenti sabato 4 verso le 13, poi costretto a restare in ginocchio in cella senza cena per molte ore. Mi ha mostrato i grandi lividi nella schiena e sull'occhio sinistro. Io l'ho incontrato verso le 11 e sapeva che alle 13 sarebbe stato trasferito a Piacenza non essendoci a Parma la sezione protetti. La denuncia intendeva presentarla una volta giunto a Piacenza per evitare controdenunce. Il mio stato d'animo era appena “rientrato” per l'altra questione...».

La denuncia ricostruisce nei minimi particolari quei giorni: «Improvvisamente alla porta della cella si presentavano due agenti di Polizia Penitenziaria, i quali iniziavano subito ad offendermi con frasi del tipo "brutto grassone di merda, vestiti, fai schifo". I due agenti di Polizia Penitenziaria erano uno di statura alta, circa l ,85 cm, con pochi capelli (o rasato o calvo), l'altro di statura medio bassa, circa 1,65.- 70 cm., con capelli scuri e barba, e con fede al dito. Senza fare questioni mi preparavo ed uscivo dalla cella. Entrambi gli agenti sin dall'inizio della vicenda hanno tenuto nei miei confronti un atteggiamento minaccioso e mi hanno reiteratamente ingiuriato, proferendo al mio indirizzo, e ad alta voce, frasi quali "sei un pezzo di merda, bastardo, cosa hai fatto, brutto pezzo di merda, scendi giù"... "non guardare su, testa bassa e cammina rasente il muro, pezzo di merda"»

Ecco poi la descrizione del pestaggio: «I due agenti continuavano ad insultarmi pesantemente, in particolare quello più alto con frasi del tipo "pezzo di merda, cosa hai fatto allora eh? Bastardo, io ho una figlia se lo facevi a lei tu qui non ci saresti nemmeno arrivato, ti avrei ammazzato di botte", mentre quello basso diceva "bastardo, ora vedi". Si infilavano poi un paio di guanti neri ciascuno, e dopo avermi spinto nell 'angolo dell' anticamera, a destra rispetto alla porta di accesso al corridoio delle celle, avvicinandosi alla mia persona cominciavano a picchiarmi violentemente entrambi, sferrandomi pugni alla testa, al volto ed alla schiena, e calci alla schiena. Io ero terrorizzato e schiacciato nell'angolo dell'anticamera porgevo loro il lato sinistro del corpo. Cadevo anche a terra ma uno dei due mi rialzava mentre l'altro continuava a sferrarmi pugni in testa e nella schiena ed ancora calci, mentre io cercavo invano di coprirmi dai colpi. Durante il pestaggio entrambi continuavano a chiamarmi "bastardo, pezzo di merda"».

Ma l'umiliazione, stando al racconto, prevedeva un ultimo terribile passaggio: «Finito il pestaggio barcollante mi ordinavano di tornare in cella e dopo avermi aperto la porta dell'anticamera, riuscivo zoppicando ad arrivare fino alla mia cella, sedendomi sul letto. Chiusa la cella si avvicinava allo sportello della porta l'agente più alto che mi ordinava di mettermi subito in ginocchio sul pavimento e a testa bassa, dicendomi che sarei dovuto restare in quella posizione fino alle 18.00, ora in cui lo stesso avrebbe terminato il proprio turno».

Anche nei due giorni successivi l'ex detenuto è stato costretto a mettersi in ginocchio. Con il corpo pieno di lividi e terrorizzato, il 7 aprile lascia il carcere di Parma. Per lui è previsto il trasferimento a Piacenza. E qui che medici e agenti penitenziari durante la registrazione di ingresso si rendono conto delle sue condizioni. Partono così  una serie di accertamenti fatti dallo stesso corpo di polizia del penitenziario piacentino. Verifiche avviate anche dal direttore del carcere di Parma sollecitato con una lettera dal garante dei detenuti.

«Visti gli elementi emersi nella Sua missiva si è provveduto a notiziare le autorità competenti e avolgere opportuni accertamenti», si legge nella risposta del dirigente del penitenziario. Sono trascorsi sette mesi dalla risposta del direttore e quattro dalla denuncia del garante. Ma la nebbia su questi presunti pestaggi nel carcere più sicuro d'Italia non si è ancora diradata.

espresso.repubblica.it