www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/11/2015  -  stampato il 11/12/2016


Cartolina postale "imbottita" di droga nel carcere di Biella: Polizia Penitenziaria la scopre con il rilevatore organico

Era destinata a un detenuto la cartolina sequestrata dagli agenti della Polizia Penitenziaria, nel carcere di Biella, e dentro la quale era nascosta della cocaina. Seppure si tratti di una prassi nuova, in Italia, quella di scollare le parti, inserire la droga, rimetterle insieme e spedire, l’escamotage non è sfuggito ai controlli.

Controlli che, nella struttura di via dei Tigli, si sono fatti sempre più serrati dopo i recenti episodi, che hanno visto familiari di reclusi venire bloccati ancora prima di presentarsi ai colloqui con la droga nascosta addosso. In questa occasione, la cartolina è stata passata sotto il sistema di rilevamento organico, che ha subito evidenziato la presenza della cocaina, celata sotto la parte illustrata.

Ora le indagini proseguono, per risalire alla provenienza dello stupefacente.

newsbiella.it