www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 14/09/2010  -  stampato il 08/12/2016


Europei su pista, Tagliaferro d'argento

Dopo la rassegna tricolore di Mori la pista propone due appuntamenti di capitale importanza in sede continentale. L’uno consueto, quei Campionati Europei juniores e “under 23” che da sempre costituiscono una significativa palestra per le giovani leve del movimento: e nel velodromo di San Pietroburgo (a partire dal 10 settembre), la spedizione italiana si è tolta le sue brave soddisfazioni. Ma, accanto alla rassegna giovanile, si profila quella elite di Pruszkow (in Polonia, la sede dei Mondiali del 2009), dove dal 5 al 7 novembre saranno assegnati punti importanti per il ranking di qualificazione olimpica in vista di Londra 2012. E lì ci saranno i nostri rappresentanti, praticamente al completo: Tatiana Guderzo, Monia Baccaille ed Elisa Frisoni tra le donne, Alex Buttazzoni, Angelo Ciccone e Fabio Masotti in campo maschile. Tornando agli Europei di categoria in Russia, le Fiamme Azzurre hanno lasciato il segno anche lì grazie all’argento di Marta Tagliaferro nella corsa a punti (nella foto il podio di San Pietroburgo): la ragazza di Noventa Vicentina, al via come campionessa uscente in virtù dell’oro di Minsk 2009, ha lottato da par suo in una prova che ha visto protagoniste della fuga decisiva 6 delle 18 concorrenti. Il titolo europeo è andato alla bielorussa Aksana Papko, sicuramente una delle atlete più in condizione nell’occasione, con 38 punti: Marta ha chiuso con 32 punti, precedendo di una lunghezza la belga Jolien D’Hoore. Come detto, altre tre ragazze avevano conquistato il giro, la bielorussa Kruchkova, la lituana Sosenko e la francese Dutriaux, ma si sono dimostrate meno efficaci negli sprint intermedi. Un grande contributo per la medaglia della Tagliaferro è ovviamente giunto dalle altre due azzurre, Valentina Scandolara e Barbara Guarischi: situazione che si è riproposta successivamente nella prova di scratch, dove l’atleta della Polizia penitenziaria si è messa al servizio della compagna di squadra Guarischi: purtroppo in questo caso la tattica adottata in casa azzurra non ha colto l’obiettivo del podio, fruttando il 5° posto nella gara vinta dalla polacca Renata Dabrowska (Tagliaferro 18^).E intanto si avvicina a grandi passi il grande evento di fine stagione, i Campionati Mondiali su strada: la nostra campionessa iridata Tatiana Guderzo, che dopo Mori era stata al via della “Classica Città di Padova” il 28 agosto, è tornata a gareggiare il 12 settembre sulle strade di casa, nella “Giornata Rosa” di Nove. Al termine dei 120km del percorso, segnato dalla Salita della Rosina, l’ha spuntata in volta Noemi Cantele: ma Tatiana si è ben inserita in uno sprint ristretto, chiudendo 3^ alle spalle della polacca Malgorzata Jasinska. Nella selezione allargata che lo staff tecnico federale sta predisponendo in vista della trasferta mondiale in Australia, troveranno certamente posto Tatiana Guderzo e Monia Baccaille, ma anche Marta Bastianelli (iridata nel 2007 a Stoccarda): e non è detto che la campionessa di Lariano, rientrata in ottima forma in questa stagione, si accontenti del ruolo di “riserva”.

Fonte: polizia-penitenziaria.it