www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/11/2015  -  stampato il 05/12/2016


Agente penitenziario di Parma sospeso dal servizio: accusato di lesioni a detenuto insieme ad un altro collega

Per tre giorni avrebbero sottoposto un detenuto a botte e pesanti umiliazioni, fino a fargli subire un duro pestaggio. Sono stati identificati dalla Procura i due agenti della Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di via Burla che si sarebbero macchiati dei reati di lesioni e maltrattamenti ai danni di un ingegnere italiano accusato di violenza sessuale su minore.

Entrambi sono indagati e per uno dei due il gip ha disposto la misura interdittiva della sospensione dal pubblico servizio per un anno. Il pm Giuseppe Amara, titolare del fascicolo d'inchiesta, aveva chiesto la custodia cautelare agli arresti domiciliari.

I fatti erano stati resi noti da un servizio in esclusiva dell'Espresso uscito il mese scorso. Quanto denunciato del Garante dei detenuti del Comune di Parma ha trovato precisi riscontri nell'attività d'indagine affidata dal sostituto procuratore alla Squadra mobile e alla polizia giudiziaria del corpo di Polizia Penitenziaria.

Tra il 4 e il 6 aprile di quest'anno il detenuto è stato picchiato duramente, costretto a rimanere in ginocchio in cella per ore e lasciato senza cena per tre giorni. Una "punizione" ulteriore per un reato considerato infamante, gli abusi sessuali su minori. Dopo il pestaggio, costatogli grossi lividi alla schiena e al volto, l'uomo è stato trasferito nel carcere di Piacenza. Il Garante ha fatto partire un esposto e la Procura di Parma ha avviato un'indagine.

I due agenti individuati come i responsabili delle violenze sono stati interrogati
nei giorni scorsi dal pm Amara. Uno dei due ha fatto parziali ammissioni in particolare sulle lesioni, cercando di ridimensionare l'accaduto. La posizione dell'altro è ancora sottoposta ad accertamenti. Entrambi rimangono iscritti nel registro degli indagati per i reati di lesioni e maltrattamenti. Come detto il pm aveva chiesto i domiciliari per l'agente che ha ammesso i fatti, un 40enne italiano. Il gip ha ritenuto sufficiente la sospensione dal servizio.

parma.repubblica.it