www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/05/2010  -  stampato il 08/12/2016


Modena, denunce per rissa tra detenuti

Nei giorni scorsi si e' verificata una violenta rissa nel carcere Sant'Anna di Modena tra 8 detenuti italiani e albanesi, alcuni dei quali sono rimasti feriti. La rissa, resa nota oggi dal Sappe (il sindacato di Polizia Penitenziaria), e' stata sedata dagli agenti in servizio nel carcere e gli autori sono stati denunciati all'autorita' giudiziaria. Per i responsabili- in forma sempre il Sappe - e' stato tra l'altro proposto il temporaneo isolamento e, succesisivamente, l'allontanamento dal carcere di Modena, cosa che il sindacato auspica avvenga al piu' presto.
  Nell'ultimo periodo, nelle carceri italiane, gli eventi critici (risse, aggressioni, gesti di auto ed eterolesionismo) sono quasi raddoppiati. Ogni giorno, secondo dati foriniti dal sindacato, ci sono dai 100 ai 150 eventi, alcuni dei quali riguardano anche aggressioni al personale di polizia penitenziaria. Dall'inizio dell'anno, infatti, le aggressioni agli agenti sono state circa 80. Cio' e' sicuramente dovuto all'acuirsi delle tensioni e dei conflitti per il sovraffollamento e, quindi, per la carenze di spazi all'interno delle carceri. In quello di Modena ci sono 519 detenuti - circa il 70% stranieri - a fronte di una capienza di 240 posti detentivi. Sempre nel carcere di Modena gli agenti di polizia penitenziaria sono circa 150 (organico previsto 210). Entro fine anno sara' pronto il nuovo padiglione detentivo di 250 posti, ma non potra' essere aperto - conclude il segretario generale aggiunto del Sappe, Giovanni Battista Durante - se non arriveranno almeno 50 agenti di polizia penitenziaria.

Fonte: agi.it