www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/12/2015  -  stampato il 05/12/2016


Orlando incontra Google, Facebook e Microsoft per contrastare propaganda terroristica online

Contrasto alla propaganda terroristica e all'istigazione all'odio online è stato l’argomento al centro dell’incontro convocato oggi pomeriggio al Ministero della Giustizia dal Guardasigilli Andrea Orlando, con i rappresentanti delle piattaforme internet e social media Microsoft, Facebook e Google. 

La riunione - la prima di una serie - punta ad avviare, a livello nazionale e sul versante della giustizia, una riflessione con gli attori del mondo della rete per studiare possibili modalità di collaborazione per affrontare il tema dell’utilizzo di internet e dei social media per scopi terroristici. Riflessione che può essere allargata anche alla lotta contro l'istigazione all'odio. La cornice in cui si inserisce questo dialogo è quella dello sforzo avviato a livello Europeo tra i ministri della Giustizia e dell’Interno alla luce della discussione in sede UE del cosiddetto ‘pacchetto protezione dati’ e del contrasto all’incitamento all’odio on line.

Questi fenomeni, ha sottolineato il ministro della Giustizia Andrea Orlando, non si possono reprimere solamente con interventi penali. É invece necessario costruire un'interlocuzione per contenerli con un tipo di intervento che derivi da una forma di autodisciplina degli operatori del settore. Sono due, ha aggiunto Orlando, i settori prioritari in cui é necessario compiere progressi significativi: ridurre la disponibilità del materiale contenente apologia del terrorismo e i discorsi d'odio on line. E’ necessario che gli operatori della rete, le associazioni attive nel campo del sociale e della difesa dei diritti interagiscano utilizzando la rete stessa come anticorpo, per sviluppare campagne di controinformazione che fermino questo tipo di propaganda”.

Su entrambi i versanti tutti i partecipanti al tavolo di confronto hanno garantito collaborazione. Nelle prossime settimane è previsto un nuovo incontro.

giustizia.it