www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 06/01/2016  -  stampato il 06/12/2016


Carabinieri e caso Cucchi, spuntano altri dettagli su comportamenti anomali dei militari

I verbali: i tentativi di insabbiare l'inchiesta, giallo sulla riunione con i vertici dell'Arma e sulle spese legali. Stava benissimo Stefano Cucchi. Anzi: è stato trattato con i guanti. Questa la versione fornita il 30 luglio scorso dal carabiniere Vincenzo Nicolardi, indagato per falsa testimonianza, al pm Giovanni Musarò. Seccamente smentita ("Cucchi faceva impressione ") da un suo collega, un carabiniere della stazione di Tor Sapienza che prese in consegna Cucchi dalle mani di Nicolardi.

E sempre dalle sommarie informazioni dello stesso carabiniere, Gianluca Colicchio (non indagato), emerge un altro pezzo del puzzle. Nicolardi gli consegna gli effetti personali del detenuto: all'interno c'è un foglietto con il numero di cellulare del maresciallo Mandolini, comandante della stazione Appia, il primo luogo in cui, secondo la procura, Cucchi fu pestato. Un comportamento che Colicchio giudica "inusuale". Perché questa scelta? E di cosa voleva essere tenuto al corrente Mandolini?

È ancora il militare a riferire ai magistrati di una riunione con i vertici dell'Arma pochi giorni dopo la morte di Cucchi. Cosa fu detto durante quell'incontro? Dall'interrogatorio non emerge, il sottufficiale però fa i nomi dei partecipanti. E infine il giallo delle spese legali: il maresciallo Mandolini comunica alla moglie di essere indagato per la vicenda Cucchi, ma le dice di non preoccuparsi: "Ho parlato con un colonnello, mi fa pure le spese legali".

Millanta o qualcuno gli ha promesso un aiuto economico, nonostante le regole lo prevedano solo come rimborso e in caso di assoluzione?

L'interrogatorio "So che si dice che Cucchi - spiega Nicolardi al pm Musarò - è stato malmenato, ma io posso dire che (...) presso la nostra stazione (Appia, ndr) era stato trattato benissimo. Anzi, ho notato che non veniva trattato neanche da detenuto: lo hanno fatto mangiare, hanno dato da mangiare al cane, non lo hanno neanche messo in cella".

L'altra versione A smentire Nicolardi è Colicchio, il militare che a Tor Sapienza riceve il detenuto dal collega: "Sinceramente lo stato del Cucchi destava impressione". Poco dopo, infatti racconta al pm di aver chiamato "il 118 non solo perché il Cucchi mi disse di avere dolori alla testa e all'addome, ma percepii in lui un evidente stato di sofferenza. Inoltre aveva un arrossamento anomalo sul viso, immediatamente sotto gli occhi e quasi fino alle guance".

Il telefonino Nicolardi consegna ai colleghi insieme agli effetti personali di Stefano il numero privato del comandante della stazione Appia, Mandolini. Il carabiniere che lo riceve, Colicchio), spiega al pm che è una cosa inusuale. "Il fatto che mi fosse stato dato (da Nicolardi, ndr) il numero di telefono personale del comandante era una cosa strana, perché il numero della stazione era indicato sul verbale di arresto e soprattutto perché, per qualsiasi problema, io avrei dovuto contattare esclusivamente il 112 e non rapportarmi autonomamente con un collega ". Al contrario, Nicolardi giustifica questa scelta sostenendo che il suo maresciallo Mandolini "è un tipo molto premuroso".

"Paga l'Arma" "Ho parlato con il colonnello - spiega Mandolini alla moglie nel corso di una telefonata intercettata il 16 luglio del 2015 - mi fa pure le spese legali, hai capito? (...). Paga l'Arma. Pè stà tranquillo ".

L'incontro "Quindici giorni dopo la mia deposizione davanti al pm - spiega ancora Colicchio - (si tratta della prima indagine, ndr), tutti i carabinieri coinvolti furono convocati presso la sede del comando gruppo carabinieri Roma. Fummo ricevuti davanti al comandante provinciale, generale Tomasone, al comandante del gruppo colonnello Casarsa, ai comandanti della compagnia Casilina e Montesacro. Ricordo che c'era il maresciallo Mandolini. I nostri superiori ci chiesero conto di quanto accaduto. Ci limitammo a fare un rapporto orale, senza sottoscrivere nulla".

La Repubblica