www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/01/2016  -  stampato il 04/12/2016


Preso "el chapo" il boss del narcotraffico messicano evaso nel luglio 2015

"Missione compiuta. Lo abbiamo preso". Così il presidente messicano Enrique Pena Nieto ha annunciato su Twitter l'arresto Joaquín Guzmán Loera, detto El Chapo, capo del cartello del narcotraffico di Sinaloa. Il boss è stato catturato da uomini della Marina militare messicana a Los Mochis, una cittadina sotto il controllo della sua organizzazione criminale.

Il potente narco-boss era ricercato dallo scorso luglio, quando era riuscito a evadere usando condotti e scale di un carcere di massima sicurezza messicano, e infine un tunnel scavato da complici che lo ha portato lontano dal penitenziario. Una fuga in pieno "stile Alcatraz".

L'evasione - la sua seconda dopo quella del 2001 - era avvenuta tra l'incredulità di milioni di messicani e mettendo in imbarazzo la sicurezza del paese. "Un affronto allo Stato messicano", l'aveva definita il presidente, che oggi si è preso la sua rivincita. Il Chapo (tarchiato), 58 anni, è stato considerato dalla rivista Forbes tra gli uomini più ricchi del mondo, ed è noto per la sua spietata violenza. Per anni è stato alla guida del temibile cartello narco di Sinaloa. Nel febbraio del 2014, l'arresto del Chapo nella città costiera di Mazatlan era stato accolto come un grande successo della polizia non solo nel paese, ma anche negli Stati Uniti. Quel giorno Guzman era caduto in trappola, ponendo così fine ad una caccia all'uomo lunga tredici anni, da quando nel 2001 il boss era riuscito a scappare da un carcere di massima sicurezza di Jalisco nascosto in un carrello di panni sporchi della lavanderia.

Lo scorso ottobre era stato ferito ad una gamba e al volto durante un'operazione di polizia per catturarlo in una zona montuosa nel nord-ovest del Messico. Il signore della droga era fuggito da un altro carcere di massima sicurezza nel 2001, nascondendosi per anni nelle aspre montagne dello Stato di Sinaloa.

Il Sole 24 Ore

El Chapo sfgge alla cattura ma viene ferito al volto e gamba: un video dimostra il coinvolgimento dei poliziotti durante la sua evasione