www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/01/2016  -  stampato il 10/12/2016


Un cane assaggia il cibo destinato a El Chapo per evitare avvelenamento

Per evitare il pericolo di avvelenamento in carcere, un cane assaggia tutti i pasti di Joaquin El Chapo Guzman, il potente capo dei narcos di Sinaloa arrestato l'otto gennaio in Messico. El Chapo è stato descritto dalle autorità messicane come "depresso" e "affaticato". In cella gli è stata consegnata una copia del "Don Chisciotte" di Miguel de Cervantes.

Ad assaggiare il cibo è un cane appositamente addestrato - Il "K9", un cane appositamente addestrato, "assaggia il cibo che gli viene consegnato per essere sicuri che non sia avvelenato", ha dichiarato a Radio Formula Eduardo Guerrero, responsabile dell'amministrazione penitenziaria.

Capo dei narcos "depresso e stanco" - "E' arrivato depresso, affaticato, questo è quello che ci ha fatto sapere nel suo primo colloquio. Stanco di fuggire", ha aggiunto il funzionario. A fargli compagnia in cella ha una copia del Don Chisciotte: "Pensiamo sia un grande libro. Dobbiamo cominciare a offrigli questo tipo di letture", ha sottolineato Guerrero. 

tgcom24.mediaset.it