www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/01/2016  -  stampato il 04/12/2016


Cambio di Prap: De Gesu provveditore della Sicilia e Veneziano provveditore della Sardegna

Gianfranco De Gesu, dirigente generale dell'amministrazione penitenziaria, da oggi e' al vertice del Provveditorato regionale per la Sicilia. Nel Dap negli ultimi due anni ha diretto la direzione generale delle risorse materiali beni e servizi, soppressa nell'ambito della riorganizzazione del ministero della Giustizia.

Nato a Cosenza del 1958, e' nei ruoli dell'amministrazione penitenziaria dal 1984. Dirigente generale dal 2010. Nell'estate del 1992, all'indomani della strage di via D'Amelio, ha assunto la direzione dell'Ucciardone,  responsabilita' ricoperta anche dal 1997 al 2001; piu' di recente e' stato a capo del Provveditorato regionale della Sardegna.

Subentra a Maurizio Veneziano, per quattro anni al vertice degli uffici nell'Isola, e che assumera' le medesime funzioni in Sardegna.

AGI

Maurizio Veneziano, già direttore dell’ex carcere San Sebastiano di Sassari, ritornerà in Sardegna come responsabile dell’amministrazione penitenziaria regionale. Originario di Messina e anche direttore del carcere di Agrigento e dell’Ucciardone a Palermo, subentrerà a Enrico Sbriglia, che sta per lasciare l’incarico dopo sei mesi. «Finalmente le strutture penitenziarie sarde avranno un interlocutore a tempo pieno», è stato il commento di Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione «Socialismo Diritti Riforme, ma «è un peccato che siano rimaste ancora vacanti le direzione di Badu ’e Carros a Nuoro e di Nuchis a Tempio, assegnate per ora, rispettivamente a Patrizia Incollu e Marco Porcu». Sdt ribadisce che «L’isola è la regione che vanta il primato negativo di non avere ancora coperti gli incarichi di vertice negli istituti e la totale assenza di vicedirettori. Ormai la dotazione di direttori è ridotta a cinque per 10 istituti e il numero dei detenuti problematici è in costante aumento».

La Nuova Sardegna