www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 06/10/2010  -  stampato il 08/12/2016


Aversa, rissa tra internati nell'ospedale psichiatrico

Una rissa scoppiata all’interno delle mura dell’Opg (Ospedale Psichiatrico Giudiziario) Filippo Saporito e un internato, C.S., attualmente in rianimazione al Secondo Policlinico con prognosi riservata. A fare le spese della violenza di altri quattro detenuti, C.S. quarantaduenne originario di Nettuno ricoverato presso l’Opg di Aversa a seguito di un omicidio. Nella sezione in cui era internato, al momento dell’aggressione, erano in servizio un infermiere e un agente di polizia penitenziaria. «Il fatto si è svolto durante l’orario di apertura delle stanze, secondo una disposizione che vuole favorire la socializzazione tra gli internati - racconta la dirigente dell’amministrazione penitenziaria del Saporito, Carlotta Giaquinto - il servizio era coperto, ma certo siamo stretti col personale e non si è riusciti ad intervenire in tempo». Sul pestaggio, dopo le prime indagini interne è stato inviato un carteggio alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che ha aperto un procedimento penale.

Fonte: ilmattino.it