www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/02/2016  -  stampato il 09/12/2016


Evaso da Forlė, ma subito ripreso: detenuto si ritrova faccia a faccia con Poliziotto ma riesce a fuggire

La fuga è durata una manciata di ore, poi il ritorno in cella. Un detenuto italiano (fine pena nel 2022) è fuggito dal carcere di Forlì per mezzo della "più classica delle evasioni", denunciano i sindacati della Penitenziaria, "scavalcando il muro mentre si trovava nel locale passeggi", ma si è scontrato con un agente "addetto alla vigilanza esterna del muro di cinta, con il quale ha avuto una colluttazione". Riuscito a divincolarsi, si è buttato dal muro di cinta, "da un'altezza di sei metri circa".

Dato l'allarme, la Penitenziaria lo ha inseguito e rintracciato presto "in una villa nelle vicinanze dove si era nascosto". "Il detenuto ha riportato la frattura del perone e del ginocchio ed ha dichiarato che voleva andare a trovare la madre moribonda, anche se l'ordinamento, in questi casi, prevede la possibilità di richiedere un permesso all'autoritá competente", ricordano i sindacati, che lamentano "una grave carenza strutturale" nell'istituto di Forlì "carente di mezzi ma soprattutto di uomini".

bologna.repubblica.it