www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/02/2016  -  stampato il 08/12/2016


Sovraffollamento carceri, per il DAP: "problema ormai definitivamente superato"

"Se l'Italia calcolasse i numeri di posti detentivi regolamentari disponibili in maniera conforme agli indici medi internazionali, fruirebbe di un numero di posti regolamentari superiore al numero di detenuti presenti". E' quanto afferma il Dap, Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, in una nota in risposta a una serie di "recenti e reiterati articoli di stampa - specifica la nota - che riportano nei titoli l'allarme 'sovraffollamento delle carceri'".

"Con i miglioramenti apportati nell'ultimo anno - aggiunge il Dap - il 95% dei detenuti e' in  'custodia aperta' e trascorre tra le otto e le dieci ore in spazi comuni, fuori dalle camere di pernottamento, impegnati in attivita' trattamentali e di sostegno. La custodia aperta progressivamente si sta estendendo anche ai detenuti dell'alta sicurezza". Il Dipartimento chiarisce, inoltre, che "i risarcimenti agli ex detenuti che si sono appellati alla Cedu", la Corte di Strasburgo. "per trattamento inumano e degradante sono risalenti nel tempo, quando effettivamente sussisteva il problema del sovraffollamento ormai definitivamente superato". 

"Per quanto riguarda le cause promosse da ex detenuti per periodi detentivi passati - aggiunge il Dap - dai dati in possesso del Dipartimento si evince che, dei 1617 ricorsi presentati, non risultano ancora  esaminati dalla magistratura ordinaria 1276 ricorsi, solo 126 sono stati accolti mentre 215 sono stati rigettati o comunque non accolti per motivi procedurali".

Per il Dap, quindi, "il trend si intende esaurito. Inoltre, dal rapporto annuale per il 2015 della Cedu-Strasburgo 28 gennaio 2016 - e' emerso come  il numero dei ricorsi italiani sia pari all'11,6% del totale dei casi pendenti alla Corte di Strasburgo per i 47 Stati membri del Consiglio d'Europa e che un numero cosi' basso di ricorsi italiani non si registrava dal 2009. Le condanne riguardanti l'Italia sono state appena 20 a fronte di un totale complessivo per tutti gli Stati membri di 692".

ANSA

Detenuti in aumento e 3mila in più rispetto alla capienza: per il DAP però, emergenza sovraffollamento superata