www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/02/2016  -  stampato il 03/12/2016


Carcere di Rimini, Garante regionale: i detenuti bocciano il magistrato di sorveglianza e promuovono i Poliziotti

Desi Bruno, Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale della Regione Emilia-Romagna, ha visitato venerdì scorso, 12 febbraio, i Casetti, la casa circondariale di Rimini.

Presenze sotto controllo e condizioni igienico-sanitarie "decisamente migliorate", ma perdura il "disagio particolarmente significativo" per la "la mancanza di risposte (e i ritardi) alle istanze presentate da parte della popolazione detenuta, che riferisce di non avere più visto il magistrato di sorveglianza in carcere, per gli incontri con coloro che ne hanno fatto richiesta, da circa un anno".

Nota positiva sono, raccontano i ristretti, "i rapporti corretti e positivi con il personale di Polizia Penitenziaria, che spesso risolve con tempestività molti dei quotidiani problemi della vita delle persone recluse".

Ristretti Orizzonti