www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/03/2016  -  stampato il 04/12/2016


Trovato morto in carcere l'aggressore del tassista

Gli agenti della Polizia Penitenziaria questa mattina hanno trovato morto in cella alla Dozza, dove si trovava da ieri, Carlo Bellotti, ferrarese di 54 anni, arrestato per aver aggredito un tassista con un martello frangivetri.

Non sono ancora chiare le cause che hanno portato al decesso dell'uomo, tossicodipendente con diversi precedenti di polizia: il detenuto, infatti, è stato trovato senza vita sul proprio letto. Si ipotizza che "le cause del decesso sono quasi certamente ascrivibili a morte naturale".

A dare la notizia del decesso questa mattina sono stati Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del sindacato della Polizia Penitenziaria Sappe, e Francesco Campobasso, segretario regionale.

Bellotti divideva la stanza insieme ad altri detenuti: sono stati questi ultimi a chiamare l'infermeria quando, attorno alle 7, hanno notato che c'era qualcosa che non andava.

Domani avrebbe dovuto comparire davanti al giudice per l’udienza di convalida. Il magistarato di turno, Martorelli, in Procura si è recato in carcere per gli accertamenti del caso, insieme al medico legale. 

Il tassista aggredito questa mattina ha detto su Facebook di aver appreso della morte del suo aggressore dalla tv, commentando che ora non potrà più nuocere a nessuno.

 

ilrestodelcarlino