www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 15/04/2016  -  stampato il 06/12/2016


Detenuto incendia la sua cella a San Vittore: Polizia Penitenziaria mette in salvo gli altri 40

Un detenuto ha appiccato il fuoco nella sua cella a San Vittore ed è stato salvato dalla Polizia Penitenziaria che è subito intervenuta per far allontanare lui e altri 40 detenuti, le cui celle erano state invase dal fumo e anche dalle fiamme.

Lo rende noto il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, secondo il quale si è 'sfiorata la tragedià e l'episodio, che risale ad ieri, 'è sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell'esecuzione della pena in Italia sono costantì. «Colpa e conseguenza della protesta sconsiderata e incomprensibile di un detenuto marocchino, che ha appiccato un incendio dando fuoco a tutto quello che era all'interno della cella - spiega Nicolino La Bella, vice segretario regionale del Sappe - Nonostante un fumo denso i bravi poliziotti penitenziari hanno salvato la vita al detenuto e all'altro ristretto con lui, poi hanno provveduto a mettere in salvo i 40 detenuti dalle altre celle del Reparto detentivo che erano invase dal fumo e dalle fiamme».

Anche Donato Capece, segretario generale del SAPPE, rivolge 'solidarietà e vicinanza al Personale di Polizia Penitenziaria di S. Vittorè, ricordando che nel 2015 'abbiamo contato nelle carceri italiane 7.029 atti di autolesionismo, 956 tentati suicidi sventati in tempo dalla Polizia Penitenziaria, 4.688 colluttazioni, 921 ferimentì.

ilmessaggero.it