www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/04/2016  -  stampato il 05/12/2016


Mauro Pili: vogliono chiudere il carcere di Alghero per farne un centro per immigrati

«Sbarca ad Alghero il vice capo nazionale del Dap, dipartimento amministrazione penitenziaria. Il mandato è chiaro: valutare l'immediata chiusura del carcere e trasformarlo in centro di accoglienza. La visita di domani, in fase di conferma in queste ore, è stata preceduta due giorni fa da una commissione interna del Dap che ha valutato la chiusura. Appena 60 detenuti, troppi costi e sopratutto la possibilità di vederlo utilizzato senza perdere tempo per ospitare 300 migranti. Con questi dati il vice capo del Dap affronta la missione preparata già con un sopralluogo due giorni fa di un comitato di architetti e ingegneri inviati dai ministeri dell'interno e della giustizia». 

La denuncia è del deputato Unids, Mauro Pili, che racconta di sopralluoghi che si sarebbero già svolti nei giorno scorsi in notturna per verificare la fruibilità h24 della struttura. Radio carcere è dettagliata: essendo un carcere leggero, appena 60 tra detenuti studenti e lavoratori, può essere chiuso perché la tabella prevede almeno 100 detenuti per lasciarlo aperto. Dunque il ministero della Giustizia lo ha svuotato per raggiungere l'obiettivo della chiusura. Operazione destinata ad essere accelerata proprio per la decisione del ministero dell'interno di mandare in Sardegna un nuovo rilevante contingente di migranti. 

«Si tratta dell'ennesimo scellerato tentativo del governo di trasformare in un mega campo di isolamento per migranti nel centro del mediterraneo. Tutto questo per bloccare pressioni verso il nord Italia e il Brennero in particolare modo. Nelle prossime ore farò un sopralluogo immediato ad Alghero. Un governo di veri e propri irresponsabili che va fermato» conclude l'ex presidente della regione Sardegna Mauro Pili.

notizie.alguer.it