www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/05/2016  -  stampato il 03/12/2016


Chiuso definitivamente ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia

Chiuso definitivamente anche l'ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia. Lo ha reso noto il Dap, il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, spiegando che gli ultimi quattro pazienti sono stati trasferiti il 5 maggio.

Battenti chiusi per sempre quindi quelli dell'ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia, dopo Castiglione delle Stiviere (chiuso nel marzo 2015) e Napoli Secondigliano (nel dicembre 2015). Gli ultimi quattro pazienti sono stati trasferiti nella residenza per l'esecuzione della misura di sicurezza sanitaria (Rems) di Castiglione delle Stiviere, competente in base al principio della territorialità della pena.

Quindi - ha sottolineato il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria - "a far data dal 5 maggio l'ex Opg di Reggio Emilia non accoglie più persone sottoposte a misura di sicurezza detentiva" e "con il provvedimento del capo del Dipartimento datato 11 marzo 2016 i reparti e le sezioni pertinenti l'ex ospedale psichiatrico giudiziario sono stati destinati a sezioni di casa circondariale", e "si è quindi proceduto all'unificazione dei due plessi penitenziari in un'unica direzione denominata 'istituti penali di Reggio Emilia'".

In particolare - specifica il Dap - i primi 50 posti letti, da subito lasciati liberi dai primi internati delle sezioni "Fenice" e "Pegaso" dell'Opg, "che hanno trovato il giusto ricovero presso le Rems, già ospitano 45 detenuti". La struttura ospita anche due sezioni destinate all'articolazione per la tutela della salute mentale, istituita con decreto ministeriale del 28 maggio 2015, già attiva per un totale di 49 posti. Altre due sezioni dell'ex Opg, con una capacità di 35 posti, hanno invece bisogno di interventi di ristrutturazione per i quali il Dipartimento ha già dato incarico al provveditore regionale di assumere le iniziative relative.

"Complessivamente, a breve - conclude il Dap - saranno disponibili 134 posti detentivi regolamentari che saranno utilizzati per deflazionare gli istituti penitenziari vicini".

askanews.it