www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/05/2016  -  stampato il 03/12/2016


Ulteriore condanna per i due detenuti evasi da Rebibbia a febbraio 2016

Con una condanna a 2 anni e 8 mesi di reclusione, in abbreviato, e un patteggiamento di pena a un anno e 10 mesi, si e' chiusa davanti al gup Costantino De Robbio la vicenda legata all'evasione dal carcere di Rebibbia, del 14 febbraio scorso, dei detenuti romeni Mihai Florin Diaconescu e Catalin Ciobanu.

I due, difesi rispettivamente dagli avvocati Cristino Brunelli e Andrea Palmiero, hanno scelto opzioni difensive differenti in relazione al ruolo che la Procura ha attribuito loro nella fuga dalla casa circondariale sulla Tiburtina. Una fuga che duro' solo quattro giorni: Ciobanu preferi' consegnarsi ai carabinieri della stazione di Tivoli e qualche ora dopo gli stessi militari rintracciarono il complice che si era nascosto nella cella frigorifero di un furgone a poca distanza da un campo nomadi. 

Secondo quanto ricostruito dalla Procura, i due scapparono dal carcere segando le sbarre di un locale adibito a magazzino all'nterno della casa circondariale.

Per Diaconescu, ora rinchiuso nel carcere di Terni, e per Ciobanu, detenuto a Viterbo, il Dipartimento  dell'amministrazione penitenziaria ha disposto sei mesi di isolamento totale.

AGI

Tutti i "buchi" del carcere di Rebibbia: Agente in anonimato racconta le falle del sistema

 

Evasione Rebibbia, Sappe: mancano gli Agenti, sistemi di sicurezza fuori uso, idee e progetti DAP fallimentari