www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 31/05/2016  -  stampato il 03/12/2016


Poliziotto Penitenziario interviene ed evita una strage automobilistica

Nel tardo pomeriggio di ieri, nel territorio del Comune di Ardea, l'agente di Polizia Penitenziaria Daniele Morbiducci, in servizio presso la Casa Circondariale di Velletri, che in quel momento era libero dal servizio, è intervenuto per evitare una situazione che poteva diventare estremamente pericolosa. L'agente, che proveniva in auto da Tor San Lorenzo, ha notato un veicolo che procedeva zig-zagando e invadendo spesso la carreggiata opposta. Morbiducci, assistente capo della Penitenziaria, arrivato nei pressi del bivio di Caronti, ha deciso di intervenire invitando la donna che era al volante a fermarsi. Avvicinatosi, l'agente si è accorto che l'automobilista, che viaggiava con un'altra donna, appariva in stato confusionale. Dagli accertamenti effettuati in seguito, risulta che l'automobilista guidava senza patente, mentre il veicolo era in stato di fermo giudiziario e senza assicurazione.

 

Durante i controlli, a Morbiducci si è avvicinato un uomo (probabilmente chiamato dalla donna che guidava) che inspiegabilmente gli si è scagliato contro, sferrandogli un pugno al viso e dando in escandescenza. Oltre ad aggredire l'agente l'uomo, che poi è risultato essere uscito dal carcere pochi giorni prima, si è ferito provocandosi diverse lesioni, e colpendo con la testa il lunotto dell'auto, infrangendolo. Nel frattempo sul posto è giunta una pattuglia di Carabinieri della Stazione di Tor San Lorenzo, precedentemente chiamata dall'agente della penitenziaria, insieme a una pattuglia di Pomezia, che hanno contribuito a bloccare l'esagitato. L'aggressore, arrestato da Morbiducci, è stato prima soccorso dal 118 e poi portato in Clinica Sant'Anna per essere medicato. In seguito è stato portato presso il carcere di Velletri. Anche l'agente è stato portato in clinica e ne è uscito con dieci giorni di prognosi. Dopo aver lasciato l'ospedale l'assistente capo ha proceduto ad adempiere a tutti gli atti relativi all'arresto e ad inviare un'informativa alla Procura della Repubblica di Velletri, e proprio alla Penitenziaria è stata affidata l'indagine.

 

ilcaffe.tv