www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 08/06/2016  -  stampato il 04/12/2016


Tentativo di suicidio di un detenuto minore dell’I.P.M. di Roma impedito dall’intervento dei Poliziotti penitenziari

COMUNICATO STAMPA

Ieri 7 giugno 2016, un detenuto è stato tratto in salvo da un tentativo di suicidio tramite impiccagione grazie all’immediato intervento del personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso l’Istituto Penale per Minorenni di Roma. Il minorenne, in custodia cautelare per un reato legato allo spaccio di stupefacenti, che a seguito della visita psicologica effettuata all’ingresso è stato associato al regime ordinario di vigilanza, nel corso del breve periodo di permanenza presso il carcere non aveva mostrato particolari segnali di sofferenza ma nel pomeriggio di ieri, inaspettatamente, si è appeso per il collo con un lenzuolo legato alla grata della finestra del bagno.

Nell’immediato è stato notato dagli agenti in servizio presso la sezione che hanno subito dato l’allarme e sono intervenuti per salvarlo, sollevandolo di peso e liberandolo dal cappio rudimentale. Tale operazione è stata resa difficile dalla robustezza del ragazzo e dalla sua quasi perdita dei sensi, tanto che nell’operazione i tre agenti intervenuti hanno riportato delle lesioni alle braccia. Il detenuto, immediatamente condotto presso il presidio sanitario in stato di coscienza, è risultato incolume dal suo agito grazie alla prontezza dell’azione condotta dai poliziotti.

Ancora una volta, la professionalità e le lodevoli capacità del personale di Polizia Penitenziaria, hanno salvato una vita umana.

 Visto quanto sopra ci preme segnalare quanto sopra per un giusto riconoscimento ai colleghi.  

Il Segretario Locale del Sappe 

Stefano Boesso