www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 26/07/2016  -  stampato il 11/12/2016


Introduce droga in carcere con un drone: prima condanna in Inghilterra ma fenomeno in crescita

Si serviva di un drone per poter spacciare droga in carcere. E’ accaduto in Inghilterra dove un uomo di 37 anni è stato arrestato.

La vicenda è accaduta tra le sbarre di un carcere della contea del Kent. Il responsabile, Daniel Kellysconterà 14 mesi di detenzione ed è la prima volta che una persona viene arrestata per questo tipo di reato.

“La vicenda di Kelly – ha dichiarato il detectiveConstable Mark Silk – è seria. Mostra una mancanza di rispetto per il nostro sistema di giustizia ed è opportuno che egli riceva una pena detentiva. Tabacco e sostanze stupefacenti hanno un valore gonfiato in prigione e questo può generare reati all’interno dello stesso carcere. Il fatto di Kelly ha messo due detenuti e alcuni uomini del personale penitenziario a rischio”.

L’uomo, hanno riferito fonti di polizia, ha utilizzato il drone, giocattolo regalato ai figli di 3, 12, e 13 anni, per far entrare sostanze stupefacenti nell’istituto penitenziario. I poliziotti hanno dichiarato che lo scorso aprile, avevano individuato una macchina parcheggiata nei pressi della prigione Swaleside, sull’isola di Sheppey. Gli agenti avevano visto un uomo correre e salire al volo sul sedile anteriore del passeggero di quella stessa Audi.

L’auto è stata poi ritrovata in un vicino villaggio vacanze dove Kelly è finito in manette. Il drone sistemato nel bagagliaio della vettura, originariamente bianco, era stato tinteggiato di nero grazie ad uno spray e le luci coperte da nastro adesivo.

La Press Association ha informato che nel 2015 sono stati accertati 33 casi di traffico di droni attraverso le sbarre e si tratterebbe di un fenomeno in crescita.

pupia.tv

Pericolo droni in carcere: il Sappe denuncia la possibilità di utilizzarli come alleati dei detenuti