www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/07/2016  -  stampato il 08/12/2016


E'' morto Alessandro Margara: ex Capo DAP, magistrato di sorveglianza e ispiratore della Legge Gozzini

E’ morto Alessandro Margara, l’ispiratore della riforma penitenziaria, il magistrato "che trattava i detenuti come uomini". Aveva da poco compiuto 86 anni. Il 24 maggio 2014 aveva perso la moglie, l’avvocatessa Nora Beretta. Lascia due figli, Niccolò e Francesco. Sandro Margara era nato a Massa il 23 giugno 1930 ed era entrato in magistratura nel 1958. E’ stato giudice istruttore a Ravenna dal ’61 al ’65, e poi a Firenze dal ’65 al ’76. Da quell’anno ha cominciato a dedicare il suo sapere e la sua umanità ai detenuti.

Dal ’76 all’80 è stato magistrato di sorveglianza a Bologna, poi fino al 1997 a Firenze. La riforma dell’ordinamento penitenziario del 1986, più nota come legge Gozzini, è dovuta al suo impegno e alla sua profonda convinzione che una società civile debba «farsi carico del detenuto, interessarsi a lui, cambiare le oggettive condizioni del suo agire». Il senatore della Sinistra Indipendente Mario Gozzini, che ha dato il nome alla riforma, era un suo amico, legato a lui da una comune visione ideale. Nel 1997 il ministro della giustizia Giovanni Maria Flick lo nominò direttore generale del Dipartimento della amministrazione penitenziaria. Il primo aprile ’99 il nuovo ministro, Oliviero Diliberto, non lo confermò. Margara volle rientrare al tribunale di sorveglianza di Firenze, che aveva guidato per molti anni, con le funzioni di semplice magistrato. In pensione dal 24 giugno 2002, per quasi 10 anni ha presieduto la Fondazione Giovanni Michelucci di Fiesole e dal 2011 al 2013 è stato il garante dei detenuti della Regione Toscana.

Nel dicembre scorso è stato presentato il volume «La giustizia e il senso di umanità» curato da Franco Corleone, suo successore nell’incarico di garante dei detenuti della Regione Toscana, e pubblicato dalla Fondazione Michelucci. La salma sarà esposta da domani (sabato) alle 10,30 presso la Misericordia di Badia Ripoli e il funerale sarà celebrato lunedì alle 10 nella parrocchia di san Pietro in Palco in piazza Elia Dalla Costa.

firenze.repubblica.it