www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 03/10/2016  -  stampato il 23/01/2017


Detenuto evaso dal carcere di Santa Maria Capua Vetere: approfitta della sorveglianza dinamica e fugge tagliando la rete

Ha approfittato di un momento di assenza della cosiddetta vigilanza «dinamica» – una ronda della Polizia Penitenziaria che, per scarsità di personale, fa il giro periodicamente lungo il perimetro del penitenziario per controllare i detenuti cosiddetti lavoranti – per fuggire dal carcere di Santa Maria Capua Vetere grazie all’utensile che usava per il suo lavoro di giardiniere recluso, ovvero una sorta di forbice-cesoia con la quale ha tranciato parte di una recinzione nella zona esterna all’intercinta della struttura.

Come riporta Il Mattino, è evaso così, intorno alle 10.30 di ieri, un detenuto straniero, N.S., 35 anni, che avrebbe dovuto scontare altri quattro anni di carcere a fronte di una condanna superiore. L’allarme è stato dato dagli stessi agenti penitenziari.

ilmeridianonews.it

 

Ferisce gravemente un bambino per sfuggire alla cattura: ecco chi è il detenuto evaso da S.M. Capua Vetere

 

Celle aperte e sorveglianza dinamica: Sebastiano Ardita ha squarciato il velo di ipocrisia del DAP