www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/10/2016  -  stampato il 06/12/2016


Drone consegna kit per evasione in un carcere di massima sicurezza inglese: decine di consegne negli ultimi mesi

Un tentativo di fuga così audace da sembrare la scena di un film d’azione, accaduto nel carcere di massima sicurezza di Hewell, Worcestershire.  Gli agenti della Polizia Penitenziaria si sono trovati davanti agli occhi un drone, che ha lasciato cadere sulla cima di un tetto una sacca con cellulari, cannabis, caricabatterie, colla, lamette e un cacciavite.

Un vero e proprio kit di sopravvivenza per un prigioniero che era evidentemente pronto a squagliarsela quanto prima.
Il direttore della prigione ha allertato la polizia locale e ordinato di perquisire le celle di ogni prigioniero. Delle guardie penitenziarie extra sono state aggiunte al personale presente nella prigione, per poter fronteggiare qualsiasi emergenza.

Una fonte del carcere ha riferito al Daily Mail. “Questo fatto ha creato un enorme problema di sicurezza. Una delle teorie, era che uno degli ufficiali della prigione stava per essere preso in ostaggio. Il tentativo di far entrare lamette e cacciaviti nel carcere, inolltre, dimostra che qualcuno era pronto a fuggire. I cacciaviti possono diventare delle vere e proprie armi”.
Negli ultimi 21 mesi, almeno 29 droni sono precipitati nelle vicinanze, o dentro, le carceri in Inghilterra e Galles. Ma i direttori credono che per ogni drone che cade, almeno nove riescono a entrare.

Un vero e proprio problema, che potrebbe rendere difficile lo stop del contrabbando nelle carceri.  Daniel Kelly, 27 anni, fu il primo all’inizio dell’anno ad essere arrestato in Gran Bretagna per aver tentato di far entrare dei pacchi all’interno di una prigione nel Kent e una nell’Hertfordshire, sempre grazie all’utilizzo di un drone. I pacchi, oltre a contenere sigarette, portavano all’interno delle carceri la “Spice”, una droga che sta spopolando in Inghilterra.

Kelly venne scoperto dalla polizia che stava pattugliando le vicinanze della prigione di Swaleside. Gli ufficiali videro una macchina ferma e poco dopo trovarono il ragazzo che tentava di far volare il drone accanto alle celle, pronto a consegnare il bottino.

Un portavoce della prigione di Hewell ha letto un comunicato, dove viene riferito che “E’ stata introdotta una nuova legislazione, chiunque verrà trovato con un drone per contrabbandare nella prigione, riceverà una pena fino a due anni di carcere“.  “Abbiamo un approccio tolleranza zero per chiunque porti materiale illecito dentro al carcere e chi verrà scoperto sarà perseguito dalla legge”.

blitzquotidiano.it

Pericolo droni in carcere: il Sappe denuncia la possibilità di utilizzarli come alleati dei detenuti