www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 15/11/2010  -  stampato il 05/12/2016


Cassazione: ingiustamente detenuto, no a risarcimento per non esere diventato padre

Ingiustamente detenuto in carcere con l'accusa di omicidio per circa undici anni non sara' risarcito per il fatto di non essere diventato padre. E' il risultato di una sentenza della Cassazione - Terza sezione penale, sentenza 40094 - che ha bocciato il ricorso di un salernitano ingiustamente detenuto per undici anni, cinque mesi e ventisei giorni e poi assolto in seguito alla revisione del processo. L'uomo, dice la Cassazione, non potra' essere risarcito per la mancata paternita' perche' tale impossibilita' costituisce una "conseguenza naturale della perdita della liberta' personale".Come ricostruisce la sentenza di piazza Cavour, l'uomo era stato condannato a 30 anni di reclusione per omicidio e poi assolto in seguito alla revisione del processo. La Corte d'appello di Salerno aveva riconosciuto l'ingiusta detenzione patita, liquidando un milione e 461mila euro e una provvisionale di 300mila euro. L'ex detenuto pero' rivendicava anche il risarcimento per l'impossibilita' ' coeundi e generandi' data dal fatto che una volta uscito la sua compagna era in fase di "climaterio", quindi prossima alla menopausa. 

 

Fonte: libero-news