www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/11/2010  -  stampato il 03/12/2016


Colbertaldo, l'oro europeo ancora suo

Sì, è di nuovo lui. Dimenticati i dubbi dell’estate, i risultati sottotono e le amarezze di Budapest: Federico Colbertaldo è ancora una volta sul tetto d’Europa dei 1500 metri, come a Fiume due anni fa, e si prepara ad affrontare con rinnovata fiducia la trasferta iridata di Dubai (15/19 dicembre). Le 60 vasche di Eindhoven (partenza alle 16 del 27 novembre) sono state una passerella trionfale: si partiva dal tempo segnato nella seconda serie dal bielorusso Zgyharau (14’59”77), ma fin da subito il danese Anders Lie ha impartito un ritmo ben più intenso al gruppo che aspirava al titolo continentale. Colby ha seguito per 700 metri con grande attenzione, quasi d’abbrivio: poi l’altro azzurro Samuel Pizzetti ha rotto gli indugi e nel giro di poche bracciate è andato a prendere il battistrada, con il nostro campione ad immediato ridosso. Federico è passato davanti già al passaggio degli 850 metri e da quel momento in poi non ha più mollato la presa. Una progressione inesorabile, un gap che si è via via allargato ad ogni virata: Pizzetti ha mantenuto per un certo tratto l’argento virtuale, poi ha dovuto rallentare mentre alle sue spalle rinvenivano il russo Frolov e l’olandese Kienhuis. Jan Wolfgarten, il tedesco che aveva sorpreso Colbertaldo un anno fa, è affondato inesorabilmente nella schiera dei comprimari. L’atleta delle Fiamme Azzurre ha toccato in solitario con 14’35”36, gran tempo se si considera l’abbandono del costumone che in occasione del precedente titolo europeo lo aveva portato al traguardo in 14’24”21. Ma si sapeva che Federico, senza l’ausilio della tecnologia, avrebbe saputo adattarsi meglio di altri alle condizioni naturali. Un fremito solo durante la volata per l’argento, che il padrone di casa Job Kienhuis (14’42”39) ha dovuto lasciare nelle mani del giovane russo Sergiy Frolov (14’42”01).I tempi di passaggio, da consegnare alle cronache: 57"59 - 1'56"89 - 2'55"96 - 3'55"09 - 4'54"04 - 5'52"74 - 6'51"15 - 7'49"87 - 8'48"04 - 9'46"04 - 10'44"43 - 11'42"91 - 12'41"26 - 13'38"69 e chiusura con 57"25 negli ultimi 100 metri e 28"09 negli ultimi 50.

Fonte: polizia-penitenziaria.it