www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 12/12/2010  -  stampato il 04/12/2016


Hashish nell'accappatoio fucsia, portato al marito in carcere: assolta

RAVENNA - La bilancina di precisione della polizia Penitenziaria si era fermata esattamente su 0,95 grammi. Una quantità di hashish modesta che tuttavia per una 32enne imolese aveva significato il rinvio a giudizio con l'accusa di spaccio aggravato. E' che quel grammo scarso il 23 ottobre del 2008 era stato trovato in una delle tasche dell’accappatoio che la giovane aveva appena consegnato in guardiola al carcere ravennate di “Port’Aurea" per farlo recapitare al compagno in quel momento detenuto. Il collegio penale del Tribunale di Ravenna ieri ha però assolto la ragazza perché “il fatto non sussiste". La Procura aveva invece chiesto un anno e 3.000 euro di multa. Mentre la difesa - avv. Silvia Brandolini - aveva sostenuto che l'hashish era stato solo dimenticato dalla giovane nell'accappatoio il cui colore - fucsia - dimostrava che l'indumento apparteneva a lei. Inoltre in quel periodo la stampa locale si stava occupando di casi di presunti ingressi nel carcere di cellulari e altro con conseguenti imminenti ispezioni: impensabile cioè che la 32enne avesse scelto proprio quel momento per un eventuale spaccio a beneficio di un detenuto.

Fonte: .romagnanoi.it