www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/01/2011  -  stampato il 06/12/2016


Lecce, psicologo del carcere accusato di stalking.

LECCE, 27 gennaio 2011 – Theodoros Koukakis, 59 anni, nato in Grecia ma residente a Leverano, aveva maturato una perversa ossessione nei confronti della giovane figlia di un detenuto. Il professionista cinquantanovenne, psicologo della casa circondariale di Borgo San Nicola, avrebbe pedinato da circa un anno la moglie e la figlia del detenuto appostandosi sotto la loro abitazione e telefonando fino a 10 – 12 volte al giorno con i motivi più disparati.La Magistratura si è mossa dopo le dichiarazioni del detenuto agli agenti di polizia penitenziaria, dato che i familiari non hanno mai sporto denuncia.Lo  psicologo avrebbe, di sua iniziativa, fatto spostare il detenuto in isolamento per dimostrare alla figlia, obiettivo delle persecuzioni, il proprio potere.Questa mattina Koukakis è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Carlo Cazzella su richiesta del pubblico ministero Stefania Minnini. I reati che gli vengono contestati sono di stalking, violenza privata e minacce aggravate nei confronti del detenuto, della moglie e della figlia.Pare che lo psicologo non sia nuovo a questi fatti, sembra che la Procura di Bari stia già indagando su di lui per reati simili. Koukakis è assistito dagli avvocati Giovanni Zecca e Francesca Conte.

Fonte: italiah24.it