www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 31/01/2011  -  stampato il 11/12/2016


Caricabatterie per cellulati trovati in un frigo a S.Anna

MODENA. Due caricabatterie, nascosti dietro ad un frigorifero di uso comune nel quale i detenuti tengono i generi alimentari che acquistano attraverso l'impresa che lavora nel carcere, sono stati rinvenuti sabato mattina nel carcere Sant'Anna di Modena, nel corso di una perquisizione straordinaria della polizia penitenziaria. Ciò lascia presumere - secondo il Sappe, sindacato di polizia penitenziaria - che qualche detenuto possa anche essere in possesso di telefoni cellulari.Nella stessa giornata, attraverso l'impiego di due unità cinofile, sono stati perquisiti i familiari dei detenuti che si accingevano ad effettuare i colloqui. Si è così scoperto che uno di questi nascondeva, tra i vestiti, un involucro di eroina; un'altro invece aveva in macchina del metadone. Entrambi sono stati denunciati e le sostanze sequestrate. I due episodi, secondo il
sindacato, mettono in luce la necessità di controlli mirati.Nel carcere di Modena ci sono 468 detenuti, a fronte - denuncia il Sappe - di una capienza di 230 posti letto: il 70% sono stranieri, 284 sono tossicodipendenti. Gli agenti in servizio sono 130, per un organico previsto di circa cento unità in più.

Fonte: gazzettadimodena