www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/03/2011  -  stampato il 07/12/2016


Velletri, indagati cinque agenti della penitenziaria

Nei giorni scorsi cinque agenti della polizia penitenziaria, in servizio al carcere di Velletri, sono stati sottoposti a misure cautelari – due ai domiciliari, gli altri all'obbligo di firma – con l'accusa di violenza privata, peculato e lesioni. Secondo quanto denunciato da un detenuto della casa circondariale, gli agenti avrebbero sottratto dai locali del carcere generi alimentari e cancelleria. Il detenuto ha detto di aver scoperto i furti, e di essere stato per questo motivo picchiato in più occasioni dagli agenti. I pestaggi si sarebbero ripetuti fino alla scorsa primavera, quando il detenuto ha deciso di denunciare l'accaduto.Il carcere di Velletri è considerato un istituto penitenziario modello per le esperienze di integrazione dei suoi detenuti, che lavorano in un'azienda agricola e producono anche un vino, il Fuggiasco, noto a livello internazionale. «Ma è penalizzato da gravi carenze di organico che costringono il personale a continui straordinari», ha detto De Blasis. La carenza di fondi incide in molti modi sulla vita del carcere: «Per esempio c'è un punto della casa circondariale di Velletri dove l'agente in servizio deve aprire e chiudere, ogni volta che entra un visitatore, ben 24 cancelli». Con le chiavi: perché con 80mila euro, dice il Sappe, si potrebbe automatizzare quel percorso. Ma i soldi non ci sono.

Fonte: castellinews.it