www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 13/04/2011  -  stampato il 04/12/2016


DETENUTO AGGREDISCE DIRETTORE E ISPETTORE.

Aggressione nel carcere di Parma. Il direttore dell'istituto e' stato   colpito con un calcio mentre il vice comandante della Polizia penitenziaria,   ferito al mento, e' stato portato in ospedale per le medicazioni del caso.   Protagonista della vicenda un detenuto, O.U. di 39 anni, sottoposto al   regime del 41 bis che, nei giorni scorsi, aveva gia' colpito sei agenti   della Polizia penitenziaria ed il medico della struttura. L'aggressione -   spiegano in due note distinte Giovanni Battista Durante, segretario generale   aggiunto del Sindacato autonomo polizia penitenziaria, e quello della Uilpa   Penitenziari, Eugenio Sarno - e' avvenuta durante il consiglio di disciplina   convocato per determinare la sanzione disciplinare da infliggere all'uomo a   seguito delle intemperanze e delle violenze di cui si era reso protagonista   il 6 aprile. La richiesta di immediato trasferimento del detenuto ad altra   sede formulata dopo i fatti della scorsa settimana - spiega la Uilpa - era   stata rigettata dal Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. Unanime   la condanna del gesto da parte dei due sindacati. ''Al vice comandante e al   direttore di Parma - dichiara Sarno - giungano i sensi della nostra sincera   e viva solidarieta'. Sarebbe ora che al Ministero della Giustizia   attivassero un vero tavolo di confronto sulle tante criticita' che affogano   il sistema penitenziario nel mare dell'inefficienza, dell' incivilta' e   dell'illegalita'''. Quello di oggi, sottolinea invece Durante, ''e'   l'ennesimo grave episodio che subiscono gli operatori penitenziari nel   carcere di Parma e in Emilia-Romagna, la regione che registra i maggiori   eventi critici. In Italia in media si registrano circa 200 eventi critici al   giorno, nei 204 istituti esistenti. In Emilia-Romagna il sovraffollamento   continua ad essere elevato. Infatti, ci sono circa 2000 detenuti in piu'   rispetto ai posti previsti e mancano 650 agenti. A Parma - conclude - ne   mancano 170''.