www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/04/2011  -  stampato il 11/12/2016


Indagine sulla percezione della criminalità e del carcere da parte dei ragazzi delle scuole.

 

Secondo gli esiti della ricerca, per il 43,9 per cento degli studenti il carcere è un luogo di punizione mentre il 30,2 per cento è possibilista sulla funzione di rieducazione e risocializzazione, per il  19,6 % il carcere è un posto di isolamento ed emarginazione sociale.

Questo è ciò che emerge dall’indagine svolta dalla Provincia nelle classi terze e quarte di 9 istituti superiori del Polesine sulla percezione della criminalità e delle sue cause.

Sono stati 1037 i questionari trattati dall’ufficio Statistica di Palazzo Celio e letti in collaborazione con l’associazione Gea Mater onlus di Lendinara ed il Granello di Senape di Padova che proponevano anche un quadro di cultura generale e rapporto con i mezzi d’informazione.


Il campione era formato dall’81,6 % di ragazzi tra i 16 e 17 anni con il 70,1 per cento di maschi.

Se per il 48,6 per cento la criminalità non è un problema nella zona in cui abita, esiste però per il 32,2%. I motivi che portano alla criminalità sono la povertà e disoccupazione al 48,3%, la scarsa severità delle leggi e dei giudici il 31%, ambiente e amicizie per il 29,7 e crescita in una famiglia dove l’illegalità è cosa normale il 27,4%.

L’immagine di chi ha commesso il reato è: una persona normale 70%, diversa da tutti 6,9; proprio come me 7,2 %; si vede che è un criminale 11,2 per cento.

Tanti distinguo anche sulla funzione del carcere: punizione 32,4%, educare alle regole 20,8; allontanare la persona pericolosa dalla società 13,5; impedire di commettere altri reati 11,5, garantire sicurezza 10,5.

Il carcere è poi punitivo, da 1 a 10 voto medio 5,6 per il 99,2 per cento degli studenti utile per la sicurezza per il 98,8 con 6,4 e rispettoso dei diritti per il 98,6 con un 5,8.

Sull’alternativa al carcere un 30 per cento solo per essere curati, alcool e droga; per il 25,4% non esistono perché è l’unico luogo dove si possono pagare le pene e per un 12,1 perché solo il carcere può rieducare. Possibilista il 14,6% con una pena pecuniaria o lavoro non retribuito.

L’ergastolo va mantenuto per il 74,8 % mentre la pena di morte è sbagliata per il 52,5 per cento e giusta per il 27,4.

Difficoltà di trovare lavoro una volta usciti dal carcere, considerazioni e reinserimento chiudono l’indagine che ma messo pure il luce che solo il 58,9 per cento degli studenti legge i giornali, il 53,4 segue abitualmente i tg. Emerge pure che per il 44,7 per cento i mezzi d’informazione aiutano a capire la realtà e per il 18,3 a farsi un’opinione; per il 29,7 sono al servizio dei partiti e per il 7,4 a gruppi economici.