www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/06/2011  -  stampato il 03/12/2016


Iscritto sul registro degli indagati della Procura di Chiavari il Poliziotto Penitenziario che ha sparato per sventare il tentativo di fuga di un detenuto all’autogrill di Sestri Levante.

Giovanni Vitale, assistente capo in servizio a Genova, uno dei Poliziotti Penitenziari coinvolti nella sparatoria seguita al drammatico tentativo di fuga del detenuto Pietro Noci, lo scorso 6 aprile all’autogrill Riviera Sud di Sestri Levante, sull’A12, è stato interrogato dal pm di Chiavari, Gabriella Dotto.

Il nome del poliziotto è già stato iscritto sul registro degli indagati, mentre quelli degli altri due colleghi presenti nell’area di servizio (il sovrintendente capo Umberto Gagliano e l’agente Raffaele Ferrante) saranno presumibilmente iscritti  solo ad avvenuta notifica di fissazione dell’interrogatorio
Il magistrato inquirente ha ipotizzato il reato di lesioni aggravate ai danni del detenuto che riportò una ferita al viso,  che aggredì la scorta e fu colpito alla testa da uno dei diciannove colpi di pistola esplosi dai componenti della scorta. Il Vitale, invece, fu attinto a un’ascella, probabilmente da una pallottola rimbalzata sul suolo.
Proprio per fare piena chiarezza sulla sequenza dei fatti e sulle eventuali responsabilità degli agenti, il pubblico ministero Dotto incaricherà nei prossimi giorni un esperto consulente balistico in forza al Reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri di elaborare una perizia.
L’inchiesta avviata dalla Procura di Chiavari dovrà innanzitutto fare chiarezza su quanto avvenuto all’autogrill “Riviera Sud”, ma pure valutare se la reazione della scorta fu commisurata al reale pericolo di fuga del detenuto.