www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/06/2011  -  stampato il 06/12/2016


IL MIO MOBBING IN POLIZIA...testimonianza diretta di un agente della polizia di stato

La tormentata vicenda fra me e la mia amministrazione, la Polizia di Stato per l'appunto, si trascina più o meno dal 1984.
In quel periodo, agente in servizio alla Questura di Verona, denunciavo la sparizione di un quantitativo di droga e il conseguente accanimento disciplinare riservatomi sfociato addirittura in insoliti accertamenti psichiatrici.
Costretto a trasferirmi, nel 1986 denunciavo per peculato e contrabbando un Vice Questore un Maresciallo e due Appuntati mentre mi trovavo in servizio al Settore di Polizia di Frontiera terrestre di Bolzano - Commissariato di Malles Venosta (Bz).
Riesplodeva così una inaudita, cinica e vessatoria opera di ritorsione contro di me, posta in essere da molti superiori soprattutto con l'abuso dello strumento disciplinare e a fronte della quale potevo solo "levare lo scudo" dei ricorsi amministrativi.
In sostanza ero costretto a difendermi in moltissimi procedimenti disciplinari, per i più dannosi dei quali ricorrevo in sede giurisdizionale; si consideri che vivendo e traendo il mio sostentamento dallo stipendio, mia unica fonte di reddito, mi era impossibile oppormi a tutte le sanzioni disciplinari per una mera questione economica.
Destituito una prima volta nel 1987 e poi riassunto in servizio con ordinanza del TAR Lazio, consolidata da una successiva ordinanza del Consiglio di Stato, nonché dalla consecutiva sentenza in mio favore dello stesso tribunale amministrativo, venivo trasferito a Nettuno (Roma) presso il Centro di addestramento per Sovrintendenti e perfezionamento per i Ispettori della Polizia di Stato dove, come vincitore di concorso interno, concludevo l'addestramento per la nomina a V. Sovrintendente, costretto, l'anno precedente, ad abbandonare l'ultimo giorno di corso, perché destituito.
Mio malgrado entravo in graduatoria come ultimo fra quasi un migliaio di colleghi, (si consideri tutto l'aspetto retributivo legato alla posizione di qualifica) e, dopo un breve periodo venivo trasferito in Calabria nell'istituendo XII° Reparto Mobile … da Malles Venosta (Bz) ai confini con l'Austria e la Svizzera, all'estremo sud, (io sono nativo di Vicenza e mi ero arruolato con reclutamento regionale).
Nel frattempo, il disagio professionale, legato alla lontananza da casa, dai propri affetti, dagli amici nonché dalle infrante aspettative personali era alimentato dai palesi e insistenti inviti ad abbandonare la polizia.
Ogni giorno di più, infatti, ero destinatario di una vessante persecuzione posta in essere con l'abuso dello strumento disciplinare ma anche con una miriade di azioni "mobbizzanti" … la mia qualifica di V. Sovrintendente non riconosciuta dai superiori, comandato in servizio agli ordini di sott'ordinati, atteggiamenti e provocazioni anche fisiche.
Intraprendevo anche la strada dell'attività sindacale nel vano tentativo di contrastare il crescente abuso ma, non serviva a nulla ... mai come in tale militanza durata molti anni, mi sono sentito così "venduto e tradito".
La prima esperienza al S.I.U.L.P. (ero iscritto a tale sindacato quando denunciai i superiori a Malles); non serviva neppure quando militai nel So. di Po., un sindacato autonomo di polizia nel quale ho svolto anche funzioni di segretario provinciale e regionale per il Veneto nonché consigliere nazionale.
Nel 1989 venivo trasferito alla Questura di Treviso ma il persistere di una sistematica e implacabile attività persecutoria mi trovava sempre impegnato a difendermi anche da fallaci, spudorate e assurde accuse trascinate anche innanzi alla giustizia penale e tutte decadute; ricordo in particolare la presunta diffamazione di un funzionario di polizia che avrei posto in essere attraverso un comunicato sindacale, (in tale documento non vi è alcun riferimento al dirigente che non conoscevo e che era giunto a Treviso solo da poco).
Mi veniva inoltre revocata la patente di guida, ottenuta con esami regolari e non tramite la conversione da quella militare; nonostante il ricorso al TAR Veneto, tutt'ora pendente sono stato costretto a sottopormi alla revisione della patente, dopo quasi due anni di attesa, (periodo nel quale, non ho potuto guidare).
Era tale lo stillicidio di provocazioni e problemi creatimi sul posto di lavoro che avevo eletto domicilio legale presso lo studio di un avvocato per evitare di dovermi quotidianamente confrontare con le notifiche di nuovi procedimenti disciplinari; nonostante ciò, in più occasioni, venivo raggiunto addirittura fuori servizio, perfino in altre località ... presso l'abitazione di familiari, mentre mi intrattenevo con amici ... in locali pubblici.
La tormentata quotidianità professionale, comunque, non intaccava il mio senso del dovere e la mia professionalità; raggiungevo la qualifica di Ispettore e, per una serie di contestabili ragioni, non quella di Ispettore Capo, Superiore e Sostituto Commissario, come i colleghi di pari/corso; la professionalità, ma vorrei anche dire la passione che ho per tale lavoro, era confortata dal sostegno di molti cittadini di Treviso che con petizioni (anche di 150 firme), evidenziava il contrastato giudizio dei miei superiori, per i quali, rimanevo probabilmente il peggior poliziotto.
A seguito anche di tali petizioni, il sindaco del capoluogo della Marca inviava una lettera di protesta al capo della polizia per il trattamento riservatomi e alla quale fece "eco" una ispezione ministeriale il cui Prefetto Ispettore, LO MASTRO Ciro auspicava, assicurandomi in proposito, l'imminente trasferimento ad una sede di servizio richiesta inutilmente più volte gli anni precedenti; le sue conclusioni, inoltre, evidenziavano, in tutta la mia vicenda, non poche responsabilità da parte della stessa amministrazione.
Nonostante ciò, alcuni mesi dopo, il Ministero dell'Interno, avviava la procedura d'ufficio per il mio allontanamento da Treviso per incompatibilità ambientale … in pratica, venivo trasferito perché indesiderato, procedura usuale nel caso di poliziotti il cui comportamento risulti palesemente discutibile con le proprie funzioni); tale prassi, pertanto, giustificava la mia destinazione a chissà quale sede e mi umiliava.
La mia opposizione ad una simile soluzione, rafforzata dal documentato sostengo di molti cittadini, costringeva il Ministero a rendermi noto e a fornirmi copia, ai sensi della Legge 241/90, (quella della trasparenza negli atti amministrativi), di una lettera/petizione di una quarantina di colleghi della Questura di Treviso;
proprio in tale scritto si chiedeva il mio allontanamento per non meglio precisati abusi e prepotenze da parte mia in danno di colleghi e addirittura di cittadini;
il documento concludeva con la minaccia che, se non si sarebbe provveduto in tale senso, qualcuno sarebbe passato alle vie di fatto.
Oppostomi ad una simile spudorata calunnia il Ministero congelava il tentativo di trasferimento d'ufficio; presentavo denuncia contro i colleghi firmatari di tale documento, ma, come per le altre precedenti denunce, non conseguivo alcun effetto.
Rimanevo dunque a Treviso ma trasferito, dalla sezione volanti, alla divisione anticrimine della Questura dove, per molto tempo, nonostante la qualifica di ispettore, non disponevo di una sedia, di una scrivania, di un telefono, di una semplice penna per svolgere il mio lavoro; era tale la frustrazione che accusavo malessere ogni volta che venivo avvicinato da superiori per delle contestazioni.
Una mattina di dicembre del 1998, non sopportando oltre le angherie e la fortissima tensione, consegnavo distintivo ed armamento denunciando con atto scritto al mio dirigente e all'ufficio sanitario della Questura, la persistente gravissima persecuzione e la volontà di tutelare la mia salute psicofisica; ottenevo così la certificazione sanitaria, (dal medico di polizia), di uno stato d'ansia generalizzato con sei giorni di prognosi con effetto immediato.
Mi rivolgevo nel frattempo alla struttura sanitaria pubblica effettuando una successiva visita specialistica che confermava tale malessere, dipendente dalla situazione ambientale lavorativa, prolungandone il periodo di alcuni mesi.
Era chiaro, a quel punto, che il referto dello specialista della USL di Treviso, denotava lo stress occupazionale al quale ero sottoposto e pertanto rafforzava la mia denuncia scritta con la quale mi ero rifiutato di proseguire il servizio in tali condizioni.
Proprio per questo, infatti, mi veniva notificata l'ennesima contestazione di addebiti, con proposta di destituzione dal servizio (licenziamento).
Venivo accusato di mancata presentazione all'ospedale militare di Udine, per la visita di idoneità al servizio al termine del periodo di malattia.
In sostanza, tentavano di ignorare lo scomodo referto dello specialista dell'USL, asserendo che avrei disatteso la disposizione di presentarmi all'ospedale militare.
Il sanitario di polizia, in realtà, produceva un nuovo e diverso certificato medico relativo ai sei giorni di malattia assegnatemi, asserendo di avermene concessi solo cinque.
Un giorno in meno sul referto, infatti, non dava continuità al periodo di malattia che, nel frattempo, si era protratta con la certificazione sanitaria dello specialista dell'USL e che puntualmente avevo provveduto a notificare alla Questura stessa.
Smascheravo l'inganno, dimostrando di essere in possesso di una copia del primo certificato medico e sfumata la possibilità di perseguirmi disciplinarmente in tal senso, ignorando la responsabilità del sanitario di polizia, che non veniva deferito all'Autorità Giudiziaria o ad una commissione disciplinare, veniva promossa a mio carico una ulteriore contestazione.
Sulle ceneri del precedente tentativo, nasceva così l'ennesimo procedimento disciplinare; se prima venivo accusato di non essermi presentato all'ospedale militare, ora venivo accusato di essermi rifiutato di dare il consenso alle visite di idoneità al servizio.
L'assurdità e la falsità di una simile accusa è ampiamente documentata negli atti di quasi un anno di malattia protrattosi per fare questa visita che "inspiegabilmente" l'ospedale miliare di Udine ritardava a farmi.
Nell'evolversi dei fatti, più volte avevo inutilmente richiesto copia della mia documentazione sanitaria ma, solo dopo aver notificato una diffida a mezzo ufficiali giudiziari, ottenevo parte di essa dall'ospedale militare di Verona di II ^ istanza, la commissione alla quale avevo fatto appello contro la decisione del collegio medico militare di Udine.
Questi atti confermavano i miei sospetti; infatti, nonostante il contrastante giudizio dello specialista da loro stessi incaricato, la commissione dell'ospedale militare di Verona, mi rinviava a quella di Udine confermandone l'ulteriore periodo di inidoneità.
Così, se il mio rientro in servizio attivo in polizia era reclamato dal giudizio favorevole di due specialisti, una vergognosa inerzia degli organi medico/legali dell'ospedale militare di Udine ne osteggiava il compimento. Inutili e ripetuti rinvii di tale visita si trascinavano da mesi quando, accampando il pretesto di ulteriori imprecisati accertamenti clinici, di natura psichiatrica, pretendevano il mio consenso per ulteriori analisi e per il ricovero presso non meglio precisate strutture sanitarie.
Ancora una volta chiedevo spiegazioni; infatti, non mi era chiaro, come non lo è tutt'ora, il motivo per cui, dopo mesi di rinvii, ora mi veniva chiesto un consenso per delle visite di idoneità al servizio che per prassi ero obbligato a fare.
Mi presentavo infine con un testimone provocando la reazione della commissione medica dell'ospedale militare di Udine; questa, dopo aver intimidito il mio osservatore, tentava di fare altrettanto con me accusandomi d aver introdotto un civile in una struttura militare e chiamando una pattuglia di carabinieri per identificare l'intruso.
Solo a dicembre 1999 riuscivo finalmente a fare la visita di idoneità al servizio.
La C.M.O. di Udine, però respingeva la mia idoneità certificando addirittura altri sei mesi di malattia ai quali mi opponevo tornando in II ^ istanza all'ospedale militare di Verona; qui, incredibilmente, tale giudizio veniva ribaltato ed essendo idoneo, riammesso in servizio poco tempo dopo.
Dopo una serie di altre vicissitudini professionali, periodi di sospensione dal servizio per precedenti sanzioni disciplinari e addirittura percosse fisiche da me subite ad opera di superiori e inutilmente denunciate, venivo destituito con la motivazione assurda di essermi rifiutato di dare il consenso alle visite alla C.M.O. di Udine avendo provocato, con ciò, grave pregiudizio all'amministrazione di appartenenza.
Il ricorso al Tar del Lazio ha avuto esito favorevole ma il Ministero dell'Interno si opponeva con un'ultetiore ricorso al Consiglio di Stato (tanto mica pagano loro ... usano i soldi dei contribuenti ... a differenza dei poliziotti che devono opporsi e che si devono arrangiare); dopo pochi mesi, il Cosiglio di Stato emetteva sentenza senza che il mio legale si fosse costituito in giudizio e con un'udienza senza la presenza dell'avvocatura generale dello stato (per il Ministero) e dell' avvocato difensore (per me).
 
Sergio Bortotto -
tratto da mobbingpolizia.it