www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/05/2011  -  stampato il 10/12/2016


Contro il Guidonia 3 a 3: obiettivo salvezza raggiunto

Campionato Serie D – LND 2010/2011 (girone G) – Partita di ritorno dei Play Out– Casal del Marmo, 29/05/2011

 
ASTREA-GUIDONIA 3-3  (2-2 )
 

ASTREA:Santarpia, Gaeta, De Santis, Ripa E, Attardo,Muzzachi, Fantini, Pompili, Di Iorio, Simonetta (Giuntoli 15’ st), Di Benedetto (Aglitti 6’ st). All Luca Ripa

GUIDONIA: Ciccioli, Marongiu, Sfanò (Cristiano 42’st), Bangrazi, Cascini (Capone 7’ st)7, Fiorentini (Tamalio 32’st), De Lucia, Lolli, Mereu, Cini, Carletti. All Alvardi

Arbitro: Di Stefano di Brindisi
Marcatori: Di Benedetto 6’ pt
 

Note: 500 spettatori circa. Ammoniti: Lolli, Sfanò, Carletti. Rosso diretto per Carletti, Mereu rosso diretto per gioco violento e Lolli per doppio giallo. Angoli 10 a 10 . Recupero 3’pt 6’st.

 
 

Finale al cardiopalma di una stagione travagliata, ma la salvezza, nella seconda di play out, è arrivata a compensare lavoro ed impegno di chi all’Astrea ancora crede, come progetto e simbolo del movimento sportivo della Polizia Penitenziaria. Nella prossima stagione, in ogni caso, si dovrà necessariamente fare meglio e di più. Ora però è tempo di bilanci certamente, ma soprattutto di dare il giusto peso a  quanto è stato in vista della salvezza raggiunta dopo quel 3 a 1 dell’andata di domenica 22 maggio a Guidonia che non lasciava troppi dubbi sul fatto che la permanenza nel girone era  alla portata dei nostri, e di quel che è stato a Casal del Marmo domenica 29, che ha messo in cascina il risultato utile per non retrocedere.

Per quanto riguarda la cronaca del match, al 6’ pt arriva il primo gol salvezza di Di Benedetto: Fantini da sinistra lo serve, ed il nostro numero undici beffa Ciccioli siglando il vantaggio biancoazzurro.

All’11’ pt brivido per l’Astrea, Carletti dal corner serve Sfanò sul quale Santarpia interviene deciso e sicuro salvando il vantaggio.

Al 35’ pt ancora Astrea vicina alla rete sfruttando una punizione dal limite: Gaeta tira potente, Ciccioli devia a lato con un intervento miracoloso. Al 38’ pt Cini conclude sul nostro palo. Al 39’ pt arriva un gol da manuale di Simonetta che insacca arrivando da solo davanti all’estremo difensore avversario e trovando poi  la rete con un tempismo perfetto, battendo in contropiede Ciccioli.

 Al 41’ pt da 40 metri arriva il primo gol del Guidonia ed è di Mereu bravo a sfruttare un retropassaggio con conclusione che Santarpia non riesce ad intercettare. Al 45’ pt Cini pareggia cogliendo la ribattuta della nostra difesa per sorprendere nuovamente il nostro Santarpia sul  clamoroso 2 a 2.

Al 3’ st pericolo per la nostra porta con un tiro dal limite da Sfanò sul primo palo che sfila di poco a lato. Al 10’ st girata di Capone, ugualmente di poco a lato.  Sebbene rimasto in 8 giocatori per l’espulsione di Mereu e Lolli al 25’ st, il Guidonia non smette di impensierire l’Astrea di Ripa, poco lucida nel gestire le ultime frazioni di gioco. Al 33’ st addirittura De Lucia segna il 3 a 2 lasciato solo davanti a Santarpia. Aglitti coglie in pieno la traversa due giri di orologio dopo. Al 48’ st Giuntoli di testa, appena entrato chiude finalmente  il match con un tre a tre che significa salvezza e necessità di chiudere una stagione intensa ed ad ampi tratti giocata al di sotto delle  grandi possibilità dei nostri. L’Astrea resta in serie D e questa è la bella notizia ed importante notizia per l’estate: la Polizia Penitenziaria  continua (unica tra tutti i corpi militari e militarmente organizzati), dopo 63 anni di storia, ad avere la sua squadra di calcio nel campionato nazionale dilettanti, il resto lo lasciamo alle cronache estive ed alle decisioni della dirigenza sportiva