www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 13/06/2011  -  stampato il 09/12/2016


La grande festa dell' Astrea al Memorial Condemi

E' stato come se il tempo non fosse mai trascorso così in fretta. Ritrovarsi negli spogliatoi, indossare di nuovo quella maglia, allacciarsi gli scarpini e farsi forza coi compagni nel momento in cui, ad un passo dal tunnel  l’emozione di una volta e la morsa allo stomaco sono tornate a farsi sentire prima di correre in campo. Tutto come da sempre è stato in casa Astrea: stesso campo, stessi  personaggi che su quell’erba hanno scritto la storia del sodalizio sportivo della Polizia Penitenziaria al suo sessantatreesimo anno di vita, con qualche anno o chilo in più in alcuni casi e per tutti una vita che ha preso una forma completamente diversa rispetto all’epoca della militanza agonistica. I figli che quando il papà giocava in prima squadra erano piccolissimi o non ancora nati, si sono ritrovati sugli spalti ad immortalare l’evento come, a parti invertite, quei papà avranno fatto per le loro recite a scuola.

C’è stata tutta questa variopinta  umanità sabato 11 giugno al “Memorial  Condemi” di Casal del Marmo.

Ideato ed organizzato da un altro ex biancoazzurro Roberto Gasparri, il triangolare di calcio è stato creato in omaggio alla memoria dell’indimenticato vice presidente  dell’Astrea e magistrato Raffaele Condemi, tra l’altro co-fondatore del Gs Fiamme Azzurre  e sportivo appassionato (nella foto Raffaele Condemi è al centro. Alla sua destra Pietro Mennea e alla sua sinistra Felice Pietrangeli, mentre su quella panchina di tanto tempo fa si decideva il nome del prossimo nato tra i gruppi sportivi in divisa: “Fiamme Azzurre” -  si disse -  NdR).

Ad onorare l’impegno si sono affrontate, in incontri di 30 minuti ciascuno svoltisi senza soluzione di continuità, la Calce Dream Team, i Fungi All Stars ed i Fronti Boys. Il primo incontro, a partire dalle 17 si è disputato tra Fronti Boys e Calce Dream Team. Per uno a zero vittoria di misura del Fronti con gol di Cordelli.

A seguire Calce Dream Team contro i Fungi Boys, terminato per uno a quattro con gol di Crepaldi per la squadra di Calce, Carli, Gallo, Castagnari ed ancora Carli per i Fungi All Stars. Nell’ultima mezz’ora Fungi All Stars opposta ai Fronti Boys con un finale di uno a tre e reti di Gallo per i Fungi, Perrone, Fabrazzo e ancora Perrone per i Fronti.

Nel  filo rosso della continuità storica dei colori biancoazzurri si è inserito il simbolico calcio d’inizio di Salvatore Fuscà, giocatore dell’Astrea dalla stagione 1949 al 1961.

Trai molti presenti a gremire la tribuna dello stadio, graditissima è stata la presenza del Capo del Dap Franco Ionta, presidente e primo tifoso dell’Astrea.

Nel rispetto dello spirito di semplice ed amichevole ritrovo tra tutti i calciatori biancoazzurri di ieri, nessuna premiazione finale: la vittoria in fondo è stata per tutti l’esserci ed il rincontrarsi. Non sono mancati però i doverosi omaggi finali. Alla famiglia del vice presidente  Condemi il Capo del Dap ha consegnato fiori ed una targa commemorativa. Unitamente a Ionta, la Dott.ssa Maria Claudia Di Paolo, finora Capo della Segreteria ma appena nominata dirigente generale dell’Amministrazione Penitenziaria al Provveditorato Regionale di Roma ed il Ds dell’Astrea Marcello Tolu, hanno consegnato un’altra targa sia a Salvatore Fuscà, sia ai giovanissimi provinciali di Mauro Sambucini e Roberto Conti, secondi dopo un’ottima stagione d’esordio del settore giovanile della Polizia Penitenziaria.

Ultimo e doveroso ricordo è stato per Matteo Calce, prematuramente scomparso il 27 settembre 2009. Un mazzo di fiori al papà  Andrea Calce, Mister dell’Astrea anche nella scorsa stagione.