www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 14/07/2011  -  stampato il 10/12/2016


Il prossimo Ministro della Giustiza italiana? Lo "sceglieranno" i Francesi

Prende corpo la voce secondo cui tra i favoriti alla poltrona di Guardasigilli della Repubblica Italiana, figurerebbe anche l’attuale Ministro degli Esteri, Franco Frattini.

Il curriculum del Ministro Frattini è di tutto rispetto e di certo  saprebbe amministrare Via Arenula almeno con le stesse capacità dal suo “attuale predecessore”, il Ministro Angelino Alfano, per cui la scelta sarebbe di sicuro ponderata e motivata.

Ma la voce che vorrebbe Franco Frattini alla guida della Giustizia non è nuova. Secondo l’agenzia TMNews (tmnews.it) del 30 giugno scorso,  alla scelta concorrerebbero anche altri “equilibri” internazionali.

Il 30 giugno scorso il Presidente del Consiglio, congiuntamente al Ministro Tremonti aveva convocato una conferenza stampa per anticipare i provvedimenti allo studio della manovra finanziaria. Nella stessa conferenza doveva essere congiuntamente annunciata la nomina di Alfano a Segretario del PDL. Ma in quei giorni gravavano ancora altri assetti politico-finanziari, in particolar modo la scelta del successori di Draghi in Bankitalia dopo che lo stesso Draghi era stato appena designato alla guida della Banca Centrale Europea (BCE).

La nomina di Draghi sarebbe stata condizionata dal ritiro dalla BCE di Lorenzo Bini Smaghi, consigliere politico presso la BCE stessa. Ad imporlo sarebbe stati i francesi, preoccupati dalla percentuale di italiani in seno alla BCE. Gli incarichi presso la BCE durano otto anni e quello di Bini Smaghi sarebbe scaduto il 31 maggio 2013. Ma per rendere attiva la nomina di Draghi, a Bini Smaghi sarebbe stato chiesto di dimettersi “spontaneamente” dallo stesso Governo italiano. Una richiesta difficile da accettare, per questo gli sarebbe stato proposto/promesso un’altra adeguata e prestigiosa poltrona.

Il posto per Bini Smaghi su cui si starebbe lavorando sarebbe proprio la poltrona del Ministro degli Esteri. In tal modo si potrebbe portare a compimento – sempre quanto riportato dall’Agenzia giornalistica TMNews – un singolare passaggio di consegne: l’attuale Ministro della Giustizia Angelino Alfano passerebbe a ricoprire l’incarico di Segretario del PDL, l’attuale Ministro degli Esteri Franco Frattini andrebbe ad amministrare la Giustizia, Bini Smaghi agli Esteri e Draghi a condurre la BCE, con “benedizione” dei francesi.

Quanto riportato, lo ripetiamo, è la ricostruzione fatta dall’agenzia TMNews lo scorso 30 giugno 2011. Non sappiamo né potremmo sapere se ciò corrisponde alle reali intenzioni/decisioni del Governo.

Comunque, qualunque siano le motivazioni che eventualmente determineranno la scelta di Franco Frattini alla guida di Via Arenula, ci auguriamo che sappia valutare, ascoltare e tenere in giusta considerazione le richieste e le proposte del Corpo di Polizia Penitenziaria.