www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/09/2011  -  stampato il 11/12/2016


I camaleonti del 57: senza parole né idee, rispuntano in autunno; Padri padroni che proclamano il corpus domini dal proprio bunker.

Si avvicina ottobre, mese autunnale, e pian piano si intravedono piccoli camaleonti che con fare diplomatico da paese del terzo mondo cercano con longa manus di incassare l’ennesima tesserina per poter continuare a svolgere quella rappresentanza subdola e di sudditanza ministeriale, senza mai fare un congresso, una assemblea generale (...ops! scusate sarebbe troppo), ne una  regionale o provinciale, con disprezzo del principio democratico della votazione per gli incarichi direttivi , andando a ledere la massima espressione che è il volere dei propri iscritti.

Ma tutto questo è troppo, mi rendo conto che non sto parlando del S.A.P.Pe e che sarebbe  troppo chiedere a chi resta chiuso in un bunker dal 1° novembre al 30 settembre di provare a cambiare le cose contro un’amministrazione gretta ed obsoleta, anche perché, forse, cercando di cambiare le cose la prima testa a cadere potrebbe essere la Loro.

Ricordo non molto tempo fa che un numero del cartello 57 si permise , si avete letto bene permise, di chiedere davanti agli altri discepoli camaleonti di fare un congresso ... guai! … nemmeno gli fu’ professata risposta:  gli arrivò (... anche se voi non lo potete osappere) il benservito solo per averlo pensato.

Per questi componenti del 57, il Poliziotto Penitenziario che intende rinnovare o iscriversi ad una sigla sindacale deve essere privo di intelletto e credere che “Cristo è morto di freddo”.

Io amici miei vi invito:

In primis a valutare l’operato di quella o questa sigla , cosa ha fatto durante l’anno , che battaglia ha portato o sta portando avanti , che iniziative ha intrapreso e poi, dopo una anche superficiale  riflessione, vi renderete conto che il motto “RES NO VERBA” lo rispetta solo un Organizzazione Sindacale: il S.A.P.Pe.

Basta con camaleonti che, a capo di organizzazioni nazionali o regionali, si limitano a buttare fumo riportando notizie news sul proprio spazio web  (perché chiamarlo sito sarebbe un offesa alla tecnologia di oggi), al massimo il camaleonte sindacalista scaltro fa un bel abbonamento “ansa-carceri” per poter lanciare la notizia prima degli altri, e se vuoi leggerla la devi pure “pagare!”.

Purtroppo per chi ha dato fiducia a questi camaleonti sindacalisti il vero dramma si verifica quando si ha bisogno di loro …. ricordo come, tempo fa, un loro delegato locale, “un miserabile iscritto, ultimo arrivato”, avviò un progetto innovativo per la rappresentanza regionale fino ad arrivare alla creazione di un portale web regionale che superò di gran lunga lo spazio web nazionale, sia in termini di visite che nei tempi di risposta alle problematiche poste dagli iscritti regionali e non solo.

In seguito lo osappete che fine ha fatto quel “miserabile segretariuccio locale inutile” ? Per il resto dei camaleonti …… lo misero nelle condizione di andar via , di abbandonare tutto il lavoro speso, anche in termini economici di tasca propria, di tempo tolto alla propria famiglia, di tempo proprio perche non ha mai chiesto un solo permesso , mai chiesto un solo favore personale… Ecco, questa è la fine di chi si mette in gioco in posti sbagliati, e per di più ora cercano anche di fargliela pagare con minacce tramite terzi ed il altri modi, perché la sua fuoriuscita, compreso il lavoro e i progetti messi in campo, ha creato un default a livello di notorietà !

Certo ora non c’è più il miserabile segretariuccio, anzi, l’anatroccolo è diventato cigno ed ha alle sue spalle veri Sindacalisti, veri Legali e veri amici, pronti a scendere in campo sia nel bene che nel male!!!

E poi vedremo chi dovrà pagare l’affronto!!!

Amici del Blog, fate la scelta giusta: diffidate dei camaleonti che indossano scarpe da ginnastica e maglione a collo alto nel mese di agosto, dei piccoli uomini isterici che si illudono che un grosso nodo alla cravatta faccia diventare un grande uomo, di chi non parla di carcere ma di pompe e di chi con  x6 pensa di moltiplicare i propri iscritti!

Basta essere ingenui: aprite gli occhi!