www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/10/2011  -  stampato il 03/12/2016


Quando in Ufficio squillava il telefono e dall’altra parte c’era Nicolò Amato…

Dopo aver letto la lettera del Capo del DAP che scrive ai Direttori Generali nella quale si chiede il favore di fare il possibile per garantire “personale qualificato” nelle ore pomeridiane negli Uffici di loro competenza, ho chiesto a dei colleghi pensionati che quegli anni di Amato li hanno vissuti sulla propria pelle e che mostrano fieri le cicatrici guadagnate sul campo cosa ne pensano. La loro risposta è stata incredulità, silenzio e rassegnazione.

Poi uno di loro si è lasciato sfuggire: “Mi ricordo quel giorno in cui Amato mi chiamò in Ufficio. Amato chiamava direttamente le persone, aveva l’abitudine a non seguire le gerarchie, eravamo tutti roba sua…”.

Amato: “Maresciallo l’aspetto nel mio Ufficio”. Non rimaneva che abbottonarsi la giacca della divisa da Agente di Custodia e sperare in meglio.

Amato: “Maresciallo se la sente di prendere un volo fra un’ora?”.

Maresciallo: “Non risposi nemmeno, feci solo cenno di assenso e del resto, cosa potevo rispondergli?”

Amato: “Allora guardi, fra un’ora parte un aereo per Palermo. Le consegno questo plico. Lo deve consegnare personalmente a (omissis)”.

Il Maresciallo ha poi proseguito: “Ancora oggi non so cosa contenesse quel plico. So solo che ho preso il volo per Palermo da Fiumicino prima delle ore 16,00. Consegnai il plico sigillato a chi di dovere. Alle ore 20.00 ero a casa. Mia moglie non seppe nemmeno che ero partito per Palermo. Non ebbi il tempo di avvertirla, si accorse solo che rientrai per ora di cena. A quel tempo un’ora di straordinario valeva (quando arrivavano) 125 Lire!”.

Allora gli ho chiesto: "Maresciallo (oggi Sostituto Commissario in congedo) mi dica, ma se ad Amato Lei avesse dovuto rispondere che i dati che gli aveva chiesto, glieli avrebbe portati il giorno dopo perché in Ufficio non c’era il collega che si occupava della questione, cosa sarebbe successo?"

Maresciallo: “Non starei qui a parlarne… e i miei superiori di un tempo se la sarebbero passata ancora peggio”.