www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/10/2011  -  stampato il 08/12/2016


Ah che bellu cafè, pur' al DAP ‘o sann’ fa

Ci sono momenti nella giornata di un Dirigente Generale in cui un buon caffè può fare la differenza tra un principio di addormentamento e il continuare a prestare la propria ed insostituibile opera di indirizzo e controllo. Ma l’attività lavorativa è incessante, senza orari e l’addormentamento è dietro l’angolo.

In questi casi… niente paura!

In ogni segreteria particolare che si rispetti c’è sempre una persona che è pronta per scaldare l’acqua con la macchinetta dell’Ufficio e preparare un caffè che pur’ al DAP ‘o sann’ fa.

Lo riconosci subito il collega addetto alla macchinetta del caffè: la mattina appena arriva il Capo la domanda è “Dottore, Le preparo un caffè?”. E’ un posto ambitissimo quello del prepara-caffè. Forse è prevista pure un’indennità, altrimenti non si spiega perché tante persone si affatichino a ricoprire tale ruolo…

Se arrivano ospiti, l’addetto al caffè sa che deve tenersi pronto: da un momento all’altro potrebbe arrivare la richiesta di più caffè! Ma un bravo addetto al caffè non si fa trovare impreparato e tiene sempre pronto un servizio completo con tazzine e vassoio.

Ah che bellu cafè (ricordiamo a tutti che) pur’ al BAR ‘o sann’ fa… non c’è bisogno dell’addetto al caffè.