www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/10/2011  -  stampato il 08/12/2016


Sindacati: peso specifico e peso relativo, il trucco delle affiliazioni

Ci sono sindacati che per mantenere la loro stessa sopravvivenza e potersi affacciare nello scenario sindacale, farebbero affiliazioni anche con il diavolo.

 
Per carità, il SAPPE non è immune dal sistema delle affiliazioni ma nel suo caso le finalità sono diverse. Il SAPPE, infatti, non ha affiliato qualche piccolo sindacato per "rimanere a galla", bensì per dare forza ad un progetto unitario, contribuendo, con il proprio peso specifico, a rafforzare i progetti del sindacato affiliato.
 
Cosa diversa è l'affiliazione necessitata.
 
Taluni sindacati, infatti, si affiliano perché i loro numeri non gli consentirebbero di esistere, cioè di essere rappresentativi. Credo che ogni lavoratore abbia il diritto di conoscere la reale consistenza numerica del sindacato a cui ha dato il mandato. Per meglio comprendere il mio messaggio, a titolo di esempio, riporto i dati (ufficiali) della FSA/CNPP che rappresentano il risultato di più affiliazioni.
 
La FSA/CNPP ad oggi ha circa 2280 iscritti con un grado di rappresentatività del 6% circa. Il dato è certamente rilevante ma, come già detto, non rappresenta la reale consistenza numerica della sola FSA/CNPP che, per arrivare a questo dato, ha dovuto affiliare:
l'ALSIPPE che ha circa 560 iscritti;
la CIISA che ha circa 40 iscritti;
la FPP che ne ha circa 90.
 
In sostanza, con una semplice operazione matematica si può ricavare il reale dato associativo della FSA/CNPP che è quindi di circa 1590 iscritti, numero sicuramente insufficiente a raggiungere il famoso 5%. In sostanza, la FSA/CNPP per poter essere rappresentativa sembra che abbia bisogno dell'ALSIPPE, della CIISA e della FFP e viceversa. Ecco perché la potrei definire un'affiliazione necessitata.
 
Tuttavia, non voglio escludere che abbiano progetti comuni. Ma cosa succederebbe se gli affiliati dovessero perdere i loro iscritti? Questa tragica situazione potrebbe trascinare il sindacato affiliante nel baratro, scomparendo dalla scena sindacale come protagonista e trasformandosi da affiliante ad affiliato di altri sindacati. Accadrebbe la stessa cosa se fosse invece la FSA/CNPP a perdere gli iscritti: tale situazione creerebbe disagi agli affiliati.
 
Per farla breve, il mio messaggio è chiaro: il peso specifico di un sindacato deve essere concreto e non facilmente vulnerabile o dipendente. Questo è un sistema che mina la reale libertà sindacale che viene affidata al piccolo affiliato che nella sostanza può decidere quando staccare la spina.
 
Dimenticavo. Spero che la FSA/CNPP non se la prenda se mi sono permesso di indicarla come esempio, citando i dati ufficiali relativi alla sua rappresentatività. Il Segretario Generale della FSA/CNPP, persona intelligente, sa che alla base della democrazia sta anche la libera circolazione delle informazioni.