www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 25/11/2011  -  stampato il 11/12/2016


In arrivo Robot Poliziotto Penitenziario: i primi esperimenti previsti inizio 2012

Non chiede ferie, non si ammala, il lavoro straordinario non gli viene pagato. E' il caso del nuovo “ROBOT Poliziotto Penitenziario” che sta per prendere servizio nelle carceri della Corea del Sud.

Questi robot sono stati creati per sostituire i poliziotti nelle classiche ronde di controllo dei detenuti. Le capacità sono davvero incredibili tanto da essere in grado di identificare i comportamenti violenti e comunicare tempestivamente via radio agli agenti penitenziari.

Questa peculiarità è determinata dalla presenza di sofisticati sensori che riescono a leggere i comportamenti umani e a captare facilmente quelli ritenuti non idonei ed aggressivi.

I robot sono alti circa un metro e mezzo e si muovono grazie alla presenza di ruote motrici; i loro sensori gli permettono di muoversi agevolmente sulla superficie di un carcere tradizionale (c'è da presumere scale escluse).

Il gruppo di lavoro, che ha portato alla nascita di questo nuovo strumento di controllo-detenuti, è supervisionato dal professore Lee Baik-Chul che fa parte dell'università di Kyonggi e si occupa specificatamente del crimine e delle esigenze della Polizia Penitenziaria.

Il primo prototipo del robot è stato presentato durante un Forum dedicato all'argomento Carceri; in questo contesto, il gruppo di ricerca ha dimostrato tutti gli innumerevoli vantaggi di avere un robot-polziotto-penitenziario all'interno di ogni carcere.

Tra i vantaggi, si è evidenziato il risparmio di risorse umane in un lavoro di controllo dei detenuti, a favore di un lavoro più specialistico e atto a recuperare le persone detenute.

Nei primi mesi del 2012 i robot verranno testati sul campo, ovvero nel carcere di Pohang.

La Corea del Sud vuole diventare leader nel settore della robotica: oltre ai robot-poliziotti, ha già sviluppato quelli per insegnare l'inglese, fare la guardia al confine con la Corea del Nord e per le pulizie di casa.

Robot Polizia Penitenziaria utilizzato nelle carceri Corea del Sud