www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 26/01/2012  -  stampato il 05/12/2016


Pari a reti inviolate contro il Monterotondo

 
 

Campionato Serie D – LND 2011/2012 (girone G) – 20^ giornata (3^ ritorno) – Pomezia, 22/01/2012

 
MONTEROTONDO LUPA- ASTREA  0-0
 

Monterotondo Lupa: Cunzi, Martorelli, Fedeli, Garofalo, Punziano, Fatati (28’ st Ascenzi), Prevete, Traditi, Bergamo, Costantini, Conte. All.Pochesci.

Astrea: Longobardi, Bauco, Cipriani,Di Fiordo, Briotti, Bosi (42’ st Trombetta),Mollo, Battisti, Bellini, Di Iorio, Giuntoli (28’ st Gaeta). All. Fazzini

Arbitro: Di Stefano di Brindisi

Note: Ammoniti Prevete (M) e Bosi (A); 300 spettatori circa.

 

Pareggio sul campo neutro di Pomezia. La terza  di ritorno tra i biancoazzurri di Fazzini e l’undici di Pocheschi si conclude a reti inviolate dopo un match sostanzialmente in equilibrio, con un tempo per parte. Meglio l’Astrea nel primo tempo, più propositivo il Monterotondo nel secondo, tanto gioco soprattutto al centrocampo. Nei primi 45’ l’Astrea si è avvicinata alla rete grazie ad una nitida occasione creata da Giuntoli, a tu per tu con Cunzi, bravo nell’occasione a fermare il bomber dell’Astrea. Nel secondo tempo, sulla testa di Di Iorio, dopo un bel cross di Briotti, altra bella opportunità di sbloccare il risultato, ma la palla è sfilata di poco a lato della porta. Anche per Gaeta occasione ghiotta sul finale di match con una potente conclusione, ma ancora una volta l’estremo difensore della squadra di Pochesci salva il risultato. Per il Monterotondo due azioni pericolose terminate sulla traversa: le conclusioni sono state di Garofalo e Punziano, per il resto, il pari è stato sostanzialmente giusto.

 

Nel campionato juniores l’Astrea di Mochi impatta contro il Boville fuori casa: 2 a 1 il finale.

 

Gli Allievi di Sambucini hanno invece perso di misura la sfida interna contro il Casalotti, 3 a 2 al triplice fischio,  con una doppietta di Di Mario. Ai ragazzi deve essere in ogni caso riconosciuto l’onore delle armi per aver disputato la solita prova coraggiosa, l’ennesima partita ottima sul piano del gioco, dimostrando di non demeritare affatto nonostante, è bene ricordarlo, stiano disputando un campionato da fuori quota, essendo più piccoli di un anno per la categoria di militanza.

 

I giovanissimi di Capozzi hanno beneficiato del 3 a 0 a tavolino nella sfida interna contro il Città di Acilia, che non si è presentato.